Wuhan, torna l'incubo del virus: 56 nuovi casi positivi, scattano le quarantene

Mercoledì 7 Luglio 2021
Wuhan, torna l'incubo del virus: 56 nuovi casi positivi importati da voli internazionali

Virus, torna la paura a Wuhan: il capoluogo della provincia di Hubei e focolaio del Covid-19 in Cina, si confronta con il nuovo coronavirus, registrando un totale di 56 casi positivi e asintomatici, tutti importati da voli internazionali, di cui 52 relativi all'Afghanistan. Nel complesso, secondo quanto riferito oggi dalle autorità sanitarie provinciali, 25 persone sono risultate positive, di cui 22 provenienti dall'Afghanistan il 2 luglio, due dall'Indonesia il 28 giugno e uno sempre dall'Indonesia il 5 luglio. Il volo MF8008 dall'Afghanistan ha riportato anche 30 asintomatici, più un altro arrivato a Wuhan, città universitaria con 11 milioni di abitanti.

Wuhan, tornano le quarantene

La provincia è gravata da alcune decine di casi importati: le autorità sanitarie hanno spiegato che l'Hubei ha segnalato 34 casi asintomatici che ora sono sotto osservazione medica, provendienti da Paesi come Pakistan, Indonesia e Afghanistan, mentre sono 711 le persone considerate «stretti contatti» di contagiati, per lo più di ritorno a Wuhan.

Covid in Cina, risalgono i contagi: mai così tanti dallo scorso gennaio

«Il Covid non è nato in laboratorio, ha origine naturale. Va studiato per evitare un'altra pandemia»: la ricerca degli scienziati

Le norme anti-epidemiche locali richiedono che i contagiati importati restino in quarantena e curati per 14 giorni durante i quali sono effettuati due test dell'acido nucleico e uno degli anticorpi. Poi, hanno riferito i media di Pechino, ci sono altri 14 giorni di osservazione medica con ulteriori test condotti altre due volte prima del rilascio definitivo se è accertata la guarigione.

Kim Jong-un licenzia alcuni suoi funzionari: grave incidente legato alla pandemia

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA