Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Wuhan, gli 007 Usa: «Il Covid “incidente di laboratorio", ma non un'arma biologica» La Cina non collabora

Sabato 30 Ottobre 2021 di Paolo Ricci Bitti
Wuhan, il virus Covid-19 incidente di laboratorio": servizi segreti Usa escludono arma biologica". La Cina non collabora

joe-bidenL'unica certezza è che la Cina non collabora nelle ricerche sull'individuazione dell'origine del virus Covid-19. E non è una novità: memorabile la gestione di quel gruppo di esperti di tutto il mondo che riuscirono infine a farsi invitare a Wuhan e dintorni salvo poi tribolare fra quarantene e sopralluoghi che ai più apparvero subito non troppo utili alle indagini. Nonostante questo "tagliafuori" cinese, i servizi segreti degli Stati Uniti hanno continuato ad indagare  e in questi giorni l'Office of Director of National Intelligence (Odni), l'organismo di coordinamento delle varie agenzie ha varato un rapporto che va per esclusioni, cominciando ad escludere l'ipotesi più terribile, ovvero quella che faceva pensare al virus come frutto di una ricerca che avrebbe dovuto portare alla creazione di un'arma biologica. No, prove  di questa strategia non ne sono state trovate, sostiene lo studio dell'ente  che riunisce 17 agenzie di intelligence degli Usa, in questo scenario schierate tutte insieme per forzare la muraglia cinese costruita attorno al Covid. L'Odni non scherza: tra spionaggio e controspionaggio, si occupa, se necessario, anche di raid militari. Segreti, naturalmente.

Covid, per gli Usa incidente di laboratorio in Cina

Scartata l'ipotesi di uno strumento di guerra, per gli americani la spiegazione più attendbile sul Covid è quella di un "incidente di laboratorio". E' questa l'indicazione che emerge dal rapporto che contempla comunque sia l'ipotesi della trasmissione del virus da animale ad essere umano sia quella, appunto, di una fuga di laboratorio sono entrambi plausibili. Tuttavia, non ci sono informazioni sufficienti per raggiungere una conclusione definitiva. Nel rapporto si afferma anche che la comunità dell'intelligence rimane divisa riguardo all'origine del virus. Quattro agenzie ritengono con un «basso» livello di fiducia che il Covid abbia avuto origine da un animale infetto. Un'altra agenzia, tuttavia, ritiene con «moderata fiducia» che la prima infezione umana sia molto probabilmente il risultato di un incidente di laboratorio nell'Istituto di Virologia di Wuhan. Il rapporto sostiene anche che le autorità cinesi non erano a conoscenza dell'esistenza del virus, prima che questo si diffondesse a Wuhan alla fine del 2019. Allo stesso tempo, Pechino continua a osteggiare l'indagine internazionale e a nascondere informazioni.

 

C'è infine il timore che l'origine del virus non si potrà mai individuare senza la la collaborazione della Cina che non accetta quelle che considera solo "speculazioni americane". Con il presidente Joe Biden l'atteggiamento di Pechino non è cambiato: così come si rispedivano al mittente le accuse di Donald Trump, così non si accettano gli esiti dal rapporto ordinato dal nuovo presidente. 

Paolo Ricci Bitti
 

Ultimo aggiornamento: 20:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA