Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron 5, non solo febbre e mal di gola: come cambiano i sintomi del Covid con le nuove varianti

I risultati dall'analisi fornita dallo Zoe Health Study found che ha analizzato oltre 62 mila test tra giugno 2021 e gennaio 2022

Mercoledì 20 Luglio 2022
Omicron 5, non solo febbre e mal di gola: come cambiano i sintomi del Covid con le nuove varianti

Non solo più febbre e perdita dell’olfatto. Più spesso mal di gola e voce rauca. Sono questi i sintomi più frequenti tra coloro contraggono la nuova variante Omicron. Vaccinati e non.  Lo dice l'analisi fornita dallo Zoe Health Study found, che conferma la prevalenza, nei pazienti affetti dall’ultima variante, di sintomi che differiscono da quelli più comuni a inizio pandemia e in particolare della più grave variante Delta. 

Varianti Covid, i nuovi sintomi

Tra il primo campione di pazienti testati, tra il 1 giugno e il 27 novembre 2021 (quando la variante Delta era dominante) e il secondo tra il 20 dicembre 2021 a 17 gennaio 2022 (quando imperversava già la prima variante Omicron), il primo elemento rilevante che salta all’occhio sta nella frequenza dei ricoveri. Tra gli oltre 62 mila test esaminati, nelle persone che hanno contratto Omicron è risultata in nettamente in calo la probabilità di andare incontro all'oospedalizzazione. Ma non solo. La permanenza del virus nei malati affetti dalla variante Delta è in media di 8,89 giorni, percentuale che scende a 6,87 giorni per coloro che è hanno l'Omicron.

 

E poi la natura dei sintomi. Addio alla perdita di olfatto, apparsa in media solo nel 20% dei casi di Omicron. Ma anche ad altri sintomi gravi come la febbre, il mal di testa, affaticamento agli occhi, molto riccorrenti ai tempi della variante Delta.

Ma da cosa dipende questa differenza? Omicron - sottolineano i ricercatori dello Zoe Health Found - si trova meno di frequente nelle basse vie respiratorie, dove l'infezione può causare sintomi più gravi. Quindi, anche se con una potenzialità di diffusione maggiore, qust'ultima variante, a differenza della Delta, non attacca organi e vie respiratorie. 

Dentisti e Covid, rimosse la misure anti-contagio: stop alla misurazione della febbre e al triage telefonico, sì agli accompagnatori

Mascherine al chiuso e sui mezzi, l'Oms Europa: «Andranno rimesse, prepariamoci a nuove ondate»

Le sub-varianti di Omicron 

Ma c’è chi mette in guardia dalle varianti di Omicron. A differenza della prima, emersa tra fine 2021 e 2022, nelle nuove subvarianti è più facile notare la ricomparsa di sintomi più gravi.
Per lo studio dell’Imperial College di Londra - ancora in fase di revisione - alla conferma del ridotto numero di casi di perdita di olfatto e gusto, si contrappone, nelle nuove varianti, il crescente numero di segnalazioni che lamentano sintomi simili al raffreddore e all'influenza. La ricerca, che ha  ha fatto uso dei dati di REACT-1, un'indagine diffusa nel Regno Unito, ha raccolto i test COVID-19 a domicilio di circa 1,5 milioni di partecipanti tra il 2020 e il 2022, e ha analizzato le differenze di sintomi tra varianti e sottovarianti. Sebbene di più lieve entità, dunque, nelle sottovarianti d Omicron, cresce il rischio di interruzione delle attività quotidiane. 

Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 08:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA