Long Covid, chi si ammala di più? E se mi contagio con Omicron? Differenze tra vaccinati e no vax (e tra le varianti)

Le probabilità erano migliori quando le persone erano più vicine alla vaccinazione (entro meno di tre mesi) e di età pari o superiore a 60 anni

Long Covid, si ammalano di più vaccinati o no vax? «Con Omicron rischio ridotto del 50%»: lo studio su Lancet
Long Covid, si ammalano di più vaccinati o no vax? «Con Omicron rischio ridotto del 50%»: lo studio su Lancet
Lunedì 20 Giugno 2022, 19:27 - Ultimo agg. 22 Giugno, 09:02
3 Minuti di Lettura

Il Long Covid colpisce di più i vaccinati oppure i no vax? Il team guidato dall'epidemiologo clinico Ziyad Al-Aly ha scoperto che la vaccinazione riduce il rischio di sviluppare il covid a lungo dopo l'infezione solo di circa il 15%, che è sostanzialmente inferiore rispetto ad altre stime che suggerivano che i vaccini dimezzassero il rischio.

Le differenze tra Omicron e Delta

Tra gli adulti vaccinati contro la COVID-19, le probabilità di sviluppare la COVID lunga durante l'ondata omicron erano inferiori di circa il 20-50% rispetto al periodo delta, con una variabilità basata sull'età e sul tempo trascorso dalla vaccinazione. La scoperta proviene da uno studio osservazionale caso-controllo pubblicato questa settimana su The Lancet dai ricercatori del Kings College di Londra. Lo studio ha riscontrato che circa il 4,5% dei casi di vaccinazione omicron è sfociato in una COVID di lunga durata, mentre il 10,8% dei casi di vaccinazione delta è sfociato in questa condizione a lungo termine.

 

Lo studio

Per lo studio di The Lancet, i ricercatori hanno esaminato i dati sui sintomi auto-riferiti di 56.003 adulti del Regno Unito che sono stati infettati per la prima volta con il SARS-CoV-2 durante l'ondata omicron e di 41.361 adulti del Regno Unito che sono stati infettati inizialmente durante il periodo delta. I ricercatori, guidati da Claire Steves, docente senior di clinica al King's College di Londra, hanno definito la COVID lunga come la presenza di sintomi nuovi o persistenti quattro o più settimane dopo l'inizio della COVID-19 acuta, così come viene definita nelle linee guida del National Institute for Health and Care Excellence statunitense. Quando i ricercatori hanno tenuto conto dell'età, del tempo trascorso dalla vaccinazione e di altri fattori legati alla salute, le probabilità relative di sviluppare il long covid dopo l'omicron variavano da circa il 23% al 50%. Le probabilità erano migliori quando le persone erano più vicine alla vaccinazione (entro meno di tre mesi) e di età pari o superiore a 60 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA