Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumore al seno metastatico, sì Ue al monoclonale trastuzumab. «Ridotta del 72% progressione del male»

In Europa, ogni anno vengono diagnosticati più di 530.000 casi di cancro al seno e circa 1 su 5 è considerato HER2 positivo

Martedì 19 Luglio 2022
Tumore al seno metastatico, sì Ue al monoclonale trastuzumab. «Ridotta del 72% progressione del male»

Tumore al seno metastatico, importante decisione dell'agenzia Ue dopo che test hanno dimostrato l'effivacia di trastuzumab deruxtecan. L'anticorpo monoclonale ha ridotto del 72% il rischio di progressione di malattia o morte rispetto all'attuale standard terapeutico trastuzumab-emtansine (T-DM1) in pazienti con tumore al seno HER2-positivo non resecabile e/o metastatico precedentemente trattato con trastuzumab e taxano. L'Agenzia europea dei medicinali ha quindi ampliato l'indicazione di trastuzumab deruxtecan ad un uso più precoce nel trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2+. 

Tumore, le metastasi «si diffondono meglio mentre dormi». Gli scienziati avvertono: il cancro si risveglia durante la notte

Vitamina D contro il tumore al seno: il nuovo beneficio

Tumore al seno, i casi in Europa

Sviluppato e commercializzato congiuntamente da Daiichi Sankyo e AstraZeneca, trastuzumab deruxtecan è un anticorpo monoclonale farmaco-coniugato ingegnerizzato per essere diretto contro il recettore HER2. In Europa, ogni anno vengono diagnosticati più di 530.000 casi di cancro al seno e circa 1 su 5 è considerato HER2 positivo. Nonostante il trattamento iniziale con trastuzumab, pertuzumab e taxano, le pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2 positivo vanno spesso incontro a progressione della malattia.L'approvazione della Commissione Europea segue il parere positivo del Comitato per i Medicinali ad uso umano ed è basata sui risultati dello studio di fase 3 DESTINY-Breast03, pubblicati su The New England Journal of Medicine.

Le reazioni al farmaco

«Questa approvazione è un'importante pietra miliare - ha dichiarato Javier Cortés, responsabile dell'International Breast Cancer Center (IBCC) di Barcellona -. dal momento che, nello studio il tempo alla progressione si è prolungato ben oltre l'anno per le pazienti che hanno ricevuto trastuzumab deruxtecan». Le reazioni avverse più comuni sono state nausea (77%), fatigue (57,2%), vomito (46,8%). «Il trattamento con trastuzumab deruxtecan - ha dichiarato Ken Keller, presidente e ceo di Daiichi Sankyo - ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione superiore e il doppio del tasso di risposta rispetto a un altro ADC anti-HER2». «Grazie a questa approvazione, in Europa le pazienti affette da carcinoma mammario metastatico HER2-positivo avranno l'opportunità di essere trattate con questo farmaco in una fase ancora più precoce, aumentando così le possibilità di ottenere esiti clinici migliori, oltre a quelli che possiamo già offrire in fasi più avanzate», conclude Dave Fredrickson, executive vice president, Oncology Business Unit di AstraZeneca.

Tumori, terapie senza chemio: l'ultima frontiera che fa sperare

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 08:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA