Calano i trapianti e si riscrivono le regole: dall'anonimato alla app per incentivare le donazioni

Giovedì 14 Ottobre 2021 di Maria Pirro
Getty Images

Il cuore batte forte. Sua figlia è tornata a vivere grazie a un trapianto.

E il papà, un avvocato napoletano, ha forzato la legge per scoprire l’identità del donatore e incontrare i familiari che hanno dato l’assenso al prelievo degli organi, rendendo possibile l’atteso intervento chirurgico. «Ho fatto di tutto per rintracciarli, anche se...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA