Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cinghiali, in arrivo «il piano di abbattimento per l'eradicazione del virus della peste suina»: l'annuncio di Costa

Anche una zona rossa per Roma

Lunedì 16 Maggio 2022
Cinghiali, in arrivo «il piano di abbattimento per l'eradicazione del virus della peste suina»: l'annuncio di Costa

Cinghiali, cosa succede? In arrivo «un piano di eradicazione del virus della peste suina africana, condiviso con la Regione Liguria e l'Ispra, che prevederà anche l'abbattimento selettivo di alcuni capi di cinghiali». Intanto «tra oggi e domani sarà firmata l'ordinanza del commissario straordinario che istituirà la zona rossa di Roma e regolamenterà le restrizioni e le attività che si potranno svolgere all'interno dell'area». Ad annunciarlo Andrea Costa, sottosegretario alla Salute, intervenendo a Tg2 Italia.

Peste suina a Roma, due cinghiali infetti dentro l’Insugherata. Ed è allerta a Villa Ada

Peste suina a Roma, cinghiale infetto tra le case. «Estenderemo la zona rossa»

 

Nel corso della trasmissione è stato chiarito come la peste suina non rappresenti un rischio per la salute dell'uomo o degli animali domestici, colpendo solo i suidi. Tuttavia, ha evidenziato Costa, «dobbiamo mettere in atto tutte le misure che ci permettono di contenere il virus, perché mette a rischio un comparto economico particolarmente importante per il nostro paese, quello suinicolo, che fattura oltre 7 mld». «Per quanto riguarda Liguria e Piemonte - ha proseguito il sottosegretario - credo che già questa settimana inizieranno le operazioni per la messa a terra delle recinzioni per contenere il virus». Per Costa, tuttavia, oltre alle misure di contenimento della peste suina, «va affrontata contestualmente un'altra emergenza, che riguarda la troppa presenza cinghiali, da riportare ai loro habitat naturale, che non possono essere i nostri centri storici e i campi coltivati. Ritengo, quindi, che l'obiettivo debba essere una sensibile riduzione della popolazione e della presenza di cinghiali sul nostro territorio». 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA