Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron 5, ecco come evitare il contagio: le 6 precauzioni da seguire in vista delle vacanze estive

La nuova variante fa rialzare (seppur di poco) la testa al Covid. Ecco quindi gli accorgimenti da seguire per evitare di risultare positivi in vista delle vacanze

Sabato 11 Giugno 2022
Omicron 5, come evitare il contagio: le 6 precauzioni fondamentali da seguire in vista delle vacanze

Partita dal Sudafrica ora rischia di diventare la dominante anche in Europa. Omicron, con la sua variante Ba.5 potrebbe inoltre portare anche in Italia a un'ondata di casi in aumento. Ma il trend degli ultimi dati ci rassicura. Con l'incidenza risalita a 222 casi ogni 100mila abitanti, l'Rt scende da 0.82 a 0.75 e gli ospedali continuano a svuotarsi. Nella settimana che si è chiusa il 9 giugno il tasso di occupazione in terapia intensiva di pazienti Covid è sceso al 2% contro il 2.3% della settimana precedente, quello nelle aree mediche al 6.6% rispetto al 7.1%.

Mascherine, cosa cambia dal 15 giugno: stop per cinema, teatri e sport al chiuso. In bilico decisione su trasporti e maturità

Omicron 5, vacanze a rischio?

Insomma dopo mesi (anzi anni) in cui il rapporto Iss ci spaventava ora possiamo tirare un sospiro di sollievo e goderci le vacanze. Ma l'attenzione deve restare alta e anche le precauzioni. Perchè una pandemia non termina per volontà personale, quindi con il Covid e le sue sottoforme avremo a che fare ancora per molto, e ora che le mascherine tra qualche giorno verranno tolte anche al chiuso (tranne che nelle rsa e negli ospedali) non bisogna abbassare la guardia. 

Omicron, vaccino aggiornato per Moderna. «Produce il doppio degli anticorpi»

Ecco come evitare il contagio

Mai senza mascherina al chiuso

Anche se in molti non aspettano altro che arrivi il 15 giugno per "gettare" le mascherine, il primo consiglio è continuare a usarle negli ambienti chiusi. È stato, ed è ancora, uno dei temi che ha piu' diviso i politici con chi le reputa una "fesseria" e chi invece le eleva a "salvatrici". La querelle continuerà ma nel frattempo quello che possiamo dire è che dopo il vaccino restano uno dei sistemi di protezione piu' efficaci, soprattutto al chiuso. Non solo si riduce il rischio di contrarre l’infezione ma, anche nel caso si entri in contatto col virus, se ne riduce la quantità inalata.

Omicron Ba.5 sale al 13% di diffusione in Italia, a inizio maggio era sotto lo 0,5: è allarme

Mascherina anche all'aperto nei grandi eventi

E se il consiglio è di tenere la mascherina nei luoghi chiusi, in realtà anche nei grandi eventi all'aperto bisognerebbe utilizzarla. È tempo di concerti, di cerimonie di assembramenti, ecco la raccomandazione è di usare la mascherina anche in queste situazioni. 

Sì viaggiare, ma occhio a vaiolo delle scimmie e omicron 5: ecco i consigli di Oms ed Ema

Mani sempre pulite

Non bisogna inoltre perdere quella sana abitudine che abbiamo acquisito di lavarci spesso le mani. L'ideale sarebbe usare acqua e sapone o anche un panno imbevuto di alcol, ma qualora non fosse possibile va bene anche il gel igienizzante.

Omicron 5, vacanze a rischio? Il caso Portogallo allarma: la situazione dei contagi nelle principali mete estive in Europa

Come scegliere i locali

Un altro consiglio da tenere a mente si riferisce a come scegliere i locali da frequentare.  Bar, discoteche e ristoranti dopo mesi di chiusure forzate hanno rialzato le saracinesche e le persone sono tornate a ripopolarli, ma attenzione perché prima di scegliere un posto optate sempre per un locale che mantenga un certo decoro, non assembri troppe persone, che disinfetti i tavoli e le sedie dopo ogni cambio di clientela e che fornisca sempre igienizzanti.

 

Richiami vaccino necessari

Come sappiamo i vaccini rimangono l'unico mezzo per abbassare il rischio di contagio e vanno fatti. Secondo i dati ancora molti italiani non hanno effettuato il richiamo con la terza dose ed è invece fondamentale farlo perché Omicron 5 avanza. E anche i fragili, che stanno esitando all'invito a vaccinarsi, dovrebbero effettuare la quarta dose: solo il 17.2% degli over 80 l’ha effettuata. E visto che in autunno si parla di nuova impennata i dati sono troppo bassi.

 

Nel dubbio fare un tampone

I dati ci fanno ben sperare e possiamo vivere l'estate piu' serenamente rispetto agli anni scorsi, nonostante la variante Omicron cresca i sintomi per i positivi sono sempre piu' lievi. Ma questo non deve portare nessuno a cadere nel tranello del non fare un tampone qualora riscontrassimo anche un sintomo che ci desta sospetto. Ormai sono di facile reperibilità e il test è l'unico modo per essere certi (almeno in % maggiore) di non aver contratto il virus e quindi non mettere neanche a rischio le persone che ci sono vicine.

Insomma le vacanze le faremo con piu' serenità ma non bisogna mai abbassare la guardia. 

Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA