CORONAVIRUS

Vaccini, Israele corre: prime dosi anche agli adolescenti, un quarto della popolazione già “coperta”

Domenica 24 Gennaio 2021 di Michele Galvani
Vaccini, Israele corre ancora: prime dosi anche agli adolescenti, un quarto della popolazione già coperta

Israele corre e ha già iniziato a somministrare il vaccino Covid-19 agli adolescenti: nel frattempo «un quarto della popolazione è stata vaccinata», hanno detto i funzionari sanitari locali. Dall'introduzione delle vaccinazioni (un mese fa), più di 2,5 milioni di israeliani (su 9 milioni) «sono stati vaccinati», ha fatto sapere il ministero della salute. L'espansione della campagna, includendo ora anche gli adolescenti, è arrivata pochi giorni dopo che Israele ha deciso di estendere il suo terzo blocco nazionale a causa di un aumento delle infezioni. Dunque, lockdown e vaccini a raffica: ecco il binomio per superare la pandemia.

Il ministero della Salute ha annunciato che ha dato il via libera alla vaccinazione di studenti delle scuole superiori di età compresa tra 16 e 18 anni, previa approvazione dei genitori. Il più grande fondo sanitario del paese, Clalit, stava già dando le prime dosi agli adolescenti sabato mattina, mentre i tre fondi più piccoli dovrebbero dare il via alla loro campagna più avanti. Israele ha iniziato a somministrare i vaccini il 20 dicembre, iniziando con gli operatori sanitari e procedendo rapidamente agli anziani, malati e gruppi a rischio, abbassando continuamente l'età minima degli aventi diritto alla somministrazione. Da sabato anche le persone dai 40 anni in su possono farsi vaccinare.

Vaccino Covid, Roberto Burioni: «Dati incoraggianti da Israele. Pfizer e Moderna efficaci»

Secondo il ministero della Salute, fino a venerdì quasi 2,5 milioni di persone avevano ricevuto la prima di due dosi, e 900.000 di loro hanno ricevuto anche la seconda. Il paese si è assicurato un enorme stock di vaccino Pfizer-BioNTech e si è impegnato a condividere rapidamente i dati sull'impatto con il produttore statunitense-tedesco. Il premier Benjamin Netanyahu ha affermato che la rapida campagna di vaccinazione «ci darà la possibilità di sconfiggere il coronavirus, di uscirne, di aprire l'economia e riportare la vita alla routine».

Covid in Israele, il siero è debole: «Positivi 12mila vaccinati». Ritirati alcuni lotti in California

 

Vaccini, il virologo Silvestri: «Il catastrofismo sulle varianti del virus mina la fiducia nei sieri»

 

Ultimo aggiornamento: 18:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA