«I vaccini non possono causare il Covid, non somministrano il virus». Lo scrive l'Istituto Superiore di Sanità

Venerdì 12 Febbraio 2021
«I vaccini non possono causare il Covid, non somministrano il virus». Lo scrive l'Istituto Superiore di Sanità

La precisazione è d'obbligo: i vaccini non possono causare Covid-19. Lo scrivono i ricercatori dell'Istituto superiore di sanità, sul sito dell'istituto nella sezione dedicata alle Faq. «I vaccini ora in uso (Pfizer-Biontech, Moderna e Astrazeneca) non somministrano virus. Una eventuale malattia Covid-19 successiva sarebbe contratta indipendentemente dal vaccino», sottolineano. «I vaccini a Rna (Pfizer-Biontech e Moderna) inducono l'immunità fornendo a cellule umane esclusivamente le istruzioni per produrre un frammento del virus, la proteina Spike, che indurrà la produzione di anticorpi specifici verso il virus SARS-CoV-2. Con questi vaccini, quindi - spiega l'Iss - non viene somministrato alcun virus, né vivo né attenuato, e la sola proteina spike non può causare infezione o malattia.

Covid, contagi e morti all'ospedale di Rovigo. Sanitari rifiutano il vaccino, il presidente dell'ordine: «Dubbi legittimi»

Varianti del virus, dall'inglese alla sudafricana: dove circolano e perché preoccupano

Nel caso di AstraZeneca il vettore virale introduce nelle cellule direttamente il frammento della proteina Spike che induce la reazione immunitaria, ma non l'intero virus, e non può quindi causare la malattia. Una eventuale malattia Covid-19 successiva alla vaccinazione, può essere quindi causata solo da una infezione naturale del virus, contratta indipendentemente dal vaccino».

Covid a Roma, focolaio alla “Chizzolini”: 28 contagiati, via ai tamponi di massa a scuola

Zona gialla e arancione, spostamenti fra Regioni: stop prorogato al 5 marzo

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA