Coprifuoco e ristoranti chiusi la sera: per maxiricerca inglese le restrizioni fanno calare del 13% l'indice Rt

Giovedì 29 Aprile 2021
Il coprifuoco è utile a ridurre i contagi secondo uno studio inglese

Il coprifuoco e la chiusura anticipata dei ristoranti abbattono sensibilmente i contagi. E' la risposta sull'efficacia delle restrizioni che arriva da alcuni studi effettuati nei paesi europei: tra le ricerche più interessanti c'è quella dell'Università di Oxford, Bristol, Warwick, l'Imperial College di Londra e l'Università di Copenaghen.

Centri commerciali, orari e aperture durante la settimana e nei weekend: cosa si può fare in zona gialla

Riduzione dell'indice Rt del 13% col coprifuoco

Sono stati presi in considerazione all'interno della ricerca sette paesi, tra i quali l'Italia, e circa 114 aree specifiche nel periodo tra agosto 2020 e gennaio 2021, sottoposte a restrizioni. Sono state analizzate tutte le misure adottate dagli stati tra la prima e la seconda ondata ed è emerso che le chiusure notturne hanno un moderato ma importante effetto sul contenimento della pandemia. In particolare dall'analisi dei dati sui contagi è emerso che il coprifuoco sarebbe in grado di ridurre l’indice Rt del 13%. Quindi le chiusure notturne avrebbero un effetto non dissimile dall’utilizzo di protezioni facciali nei luoghi pubblici, stando ai risultati ottenuti, e sono utili a contenere i contagi. Ma non solo: i ricercatori hanno voluto chiarire all'interno del loro lavoro che una possibile sospensione delle misure di sicurezza tra la popolazione non vaccinata potrebbe portare ad un incremento di contagi.

 

Il coprifuoco funzionale alla campagna vaccinale

Emerge dalla ricerca la necessità di accompagnare il piano vaccinale con alcune chiusure, così da fare in modo di evitare un aumento dei contagi e arrivare all'immunità di gregge. Nello studio è specificato che le varianti considerate di interesse per ora non influiscono sul piano vaccinale dei paesi.

Coprifuoco e lockdown

Un altro studio, svolto in Olanda, dall'Università di Deft ha confermato non solo l'utilità del coprifuoco ma lo ha anche confrontato con  il lockdown ed è emerso che le chiusure anticipate, in confronto a quelle totali, sarebbero molto meno efficaci nella riduzione dei contagi. Infatti il coprifuoco notturno aiuta a evitare che il numero di infezioni cresca ed evita lo stress ospedaliero, ma se paragonato a un lockdown completo risulta poco efficace e necessiterebbe di altre misure restrittive. 

Coprifuoco, cosa accadrà a maggio? Il 14 maggio la verifica decisiva (c'è l'ipotesi 24)

 

    

© RIPRODUZIONE RISERVATA