Covid, «focolai al bar, in classe e in casa»: ecco i tre scenari in cui il virus si diffonde nell'aria

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Michele Galvani
Covid, «focolai al bar, in classe e in casa»: ecco i tre scenari in cui il virus si diffonde nell'aria

Al bar, in classe, in casa: ecco come il Covid-19 si diffonde nell'aria. Gli spazi chiusi sono naturalmente i più pericolosi, ma i rischi possono essere ridotti al minimo mettendo in atto tutte le misure disponibili per combattere il contagio, che non accenna ad arrestarsi ancora. Ecco i tre scenari quotidiani (ventilazione, mascherine e durata dell'incontro), in un dossier curato da El Pais con grafici e studi scientifici accurati. Una fotografia chiara di cosa accade nel momento in cui siamo vicini a una o più persone. E soprattutto quali sono i luoghi più pericolosi, a prescindere dall'età e dallo stato di salute. 

Il virus si diffonde nell'aria dunque, ma soprattutto al chiuso. E' qui che le possibilità di infettarsi aumentano a dismisura. «Non è contagioso come il morbillo», assicurano gli scienziati, i quali però riconoscono già apertamente il ruolo che il contagio da goccioline gioca nella pandemia: minuscole particelle contagiose esalate da un paziente e sospese nell'aria in ambienti chiusi. Come funziona questa modalità di contagio? E soprattutto, come affrontarlo? 

Covid, la virologa cinese disse: virus creato in laboratorio. Gli scienziati: «Ha fatto copia e incolla da un blog»

Un esempio: sei persone si riuniscono in una casa, una delle quali è infetta. Il 31% dei focolai conosciuti in Spagna si verifica in questo tipo di incontro sociale, soprattutto negli incontri con la famiglia e gli amici. Indipendentemente dalla distanza, se passassero quattro ore senza mascherine e senza parlare ad alta voce, le altre cinque persone sarebbero state contagiate (secondo il modello scientifico spiegato nella metodologia).  In caso di utilizzo di mascherine, tale rischio sarebbe ridotto a quattro infezioni. Le mascherine da sole non prevengono le infezioni se l'esposizione è molto lunga. Il rischio di infezione si riduce al di sotto di una persona infetta quando il gruppo utilizza le mascherine, riduce della metà la durata dell'incontro e inoltre arieggia bene le stanze.

 

In questo momento, le autorità sanitarie riconoscono tre modalità di contagio del Covid.

1) Le gocce che gli infetti espellono quando parlano o tossiscono, che finiscono negli occhi, nella bocca o nel naso della persona.

2) Superfici contaminate, sebbene i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) indichino che questo caso è il meno probabile e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie avverte che non ne è stato descritto nemmeno uno contagio in quel modo.

3) Particelle infettive invisibili che una persona malata espira e che si comportano come fumo quando escono dalla bocca. Senza ventilazione, rimangono sospese e si condensano nella stanza col passare del tempo.

Urla e canti

All'inizio della pandemia, si riteneva che il principale veicolo di contagio fossero quelle grosse goccioline che espelliamo quando si tossisce o si starnutisce. Tuttavia, ora sappiamo che urlare o cantare a lungo in uno spazio chiuso e scarsamente ventilato genera anche un alto rischio di contagio. Ciò accade perché quando parliamo con la parte alta dei polmoni vengono lanciate 50 volte più particelle cariche di virus rispetto a quando siamo in silenzio. Questi aerosol, se non diluiti con la ventilazione, si concentrano nel tempo aumentando il rischio di contagio. Gli scienziati hanno dimostrato che queste particelle, che rilasciamo anche quando respiriamo o con maschere mal adattate, «possono essere contagiose entro cinque metri da una persona e per molti minuti», a seconda delle condizioni. Queste sono le condizioni che riproduciamo in questi esempi e che dovrebbero essere evitate a tutti i costi.

In primavera, le autorità sanitarie hanno ignorato questa via di infezione, ma recenti pubblicazioni scientifiche hanno costretto l'Organizzazione mondiale della sanità o il CDC a riconoscere questo rischio. Un articolo su Science parla di prove "schiaccianti" e il CDC osserva che «in determinate condizioni, le persone con Covid-19 potrebbero aver infettato altri che si trovavano a più di due metri di distanza. Queste trasmissioni sono avvenute all'interno di spazi ristretti con ventilazione inadeguata. A volte la persona infetta respirava pesantemente, ad esempio quando cantava o si allenava».

Covid, lo studio: «Indossare la mascherina riduce di 23 volte la possibilità di prendere il virus»

Covid, il Regno Unito infetterà ufficialmente volontari sani con un vaccino sperimentale: «Ma lo faremo in sicurezza»

Covid, doppia ricerca: «Chi ha il gruppo sanguigno “0” ha una ridotta probabilità di contrarre il virus»

I locali

Le epidemie in luoghi come bar e ristoranti rappresentano una parte importante del contagio nella sfera sociale. Sono soprattutto le più esplosive: ogni focolaio in una discoteca, ad esempio, rappresenta una media di 27 contagiati, contro i soli 6 contagi nelle riunioni di famiglia, come quella mostrata all'inizio. Gli scienziati ricordabno i super contagi in una discoteca di Cordoba, con 73 infetti dopo una serata fuori. O il boom di 12 clienti in un bar in Vietnam, recentemente analizzato nel dossier stesso.

La scuola

I centri educativi rappresentano solo il 6% dei focolai. Le dinamiche di contagio in classe sono molto diverse se il paziente zero è uno studente o un insegnante. Gli insegnanti parlano molto più a lungo, alzando la voce per essere ascoltati, il che moltiplica l'espulsione di particelle potenzialmente contagiose. In confronto, un aspirante scolaro malato parla molto sporadicamente. Il governo spagnolo ha già raccomandato, con una guida del CSIC, che le aule siano arieggiate anche se fa freddo o che vengano utilizzate apparecchiature di ventilazione.

Le distanze

Per calcolare le probabilità di contagio delle persone presenti in situazioni di rischio, è stato utilizzato un simulatore sviluppato da un gruppo di scienziati, guidato dal Professor José Luis Jiménez (Università del Colorado), realizzato con l'intento di mostrare l'importanza dei fattori che ostacolano la diffusione. Il calcolo non è esaustivo né può comprendere le innumerevoli variabili che concorrono al contagio, ma serve ad illustrare l'andamento dei rischi in base ai fattori sui quali possiamo intervenire. I soggetti mantengono una distanza di sicurezza nelle simulazioni, eliminando il rischio di contagio da goccioline, ma possono comunque essere infettati se non agiscono aggiungendo tutte le misure contemporaneamente: arieggiare correttamente, accorciare gli incontri, ridurre la capacità e indossare mascherine. In tutti i contesti, lo scenario ideale sarebbe all'aperto, dove le particelle infettive si diluiscono rapidamente. Se non si mantiene la distanza con l'eventuale zero paziente la probabilità di contagio si moltiplica perché entrano in gioco le gocce espulse e perché la ventilazione non sarebbe sufficiente a diluire gli aerosol se le due persone sono molto vicine. 

Covid, i malati meno gravi possono reinfettarsi più facilmente, la ricerca dell'Istituto europeo di oncologia»

I calcoli mostrati nei tre scenari si basano su studi su come si verificano le infezioni da aerosol, con focolai effettivi che sono stati analizzati in dettaglio. Un caso molto utile per comprendere le dinamiche del contagio al chiuso è stato sperimentato durante le prove del coro nello Stato di Washington (USA) a marzo. Solo 61 dei 120 membri del coro hanno assistito alle prove e hanno cercato di mantenere le distanze e l'igiene. Senza saperlo, hanno creato uno scenario di massimo rischio: senza mascherine, senza ventilazione, cantando e condividendo lo spazio per molto tempo. Un singolo infettato da Covid, paziente zero, ha infettato 53 persone in due ore e mezza. Alcuni degli infetti erano a 14 metri dietro di lui, quindi solo le goccioline possono spiegare il contagio. Due dei malati sono morti.

La ricerca

Lo studio è stato curatio da José Luis Jiménez, esperto di chimica e dinamica delle particelle nell'aria presso l'Università del Colorado. Altri colleghi in tutto il mondo hanno esaminato questa ricerca, che si basa su dati e metodi pubblicati per stimare l'importanza di vari fattori misurabili coinvolti in uno scenario di contagio. Tuttavia, il modello ha una precisione limitata perché si basa su numeri ancora incerti, come quanti virus infettivi emette una persona infetta o la loro infettività. Il modello presuppone che le persone pratichino il distanziamento fisico di due metri e che non ci siano persone immuni. In questo calcolo le mascherine hanno un valore fondamentale per la popolazione generale, che comprende tutta la varietà di mascherine (chirurgiche e in tessuto), e un tono di voce alto, che aumenta la quantità di goccioline espulse.

 

 

Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 11:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA