Tumore, nuova scoperta: trovato meccanismo che porta il cancro ai bambini. Terapia in arrivo

Giovedì 29 Luglio 2021
Nuova scoperta sui tumori: trovato meccanismo che porta il cancro ai bambini. Terapia in arrivo

Nuova scoperta sui tumori. Un team di scienziati italiani apre la strada a una nuova speranza per la cura del tumore cerebrale maligno più diffuso in età pediatrica: il medulloblastoma. A scoprire il meccanismo che scatena la forma più aggressiva di questa malattia sono stati ricercatori dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, in collaborazione con le università di Tor Vergata e Sapienza di Roma e di Trento. Sulla base di questa scoperta, gli studiosi hanno poi individuato due farmaci potenzialmente in grado di bloccare la crescita del cancro e delle metastasi.

Tumori della pelle, impennata in provincia. Piattaforma per lo scambio di dati e la prevenzione

Tumore medulloblastoma, dove si forma

Lo studio, sostenuto interamente da Airc, è stato appena pubblicato sulla rivista scientifica internazionale 'Acta Neuropathologicà. ll medulloblastoma ha un'incidenza, in Italia, di circa 7 bambini colpiti ogni milione. Il tasso di sopravvivenza globale è attualmente dell'80% per i pazienti a rischio 'standard'; il dato scende purtroppo al 30-60% per quelli ad alto rischio. Questo tumore si forma nel cervelletto, l'area del sistema nervoso situata alla base del cervello e deputata al controllo dell'equilibrio e della coordinazione dei movimenti.

Tumori, frenano i controlli: diminuiti del 35%. Il Tiberia Hospital apre uno sportello dedicato alla prevenzione

Le cure

Le terapie contro il medulloblastoma prevedono l'asportazione chirurgica del tumore, seguita da radioterapia e chemioterapia. Il principale ostacolo alla cura è, tuttavia, la presenza di cellule staminali cancerose che sono resistenti alla radio e alla chemio e hanno la capacità di infiltrarsi e diffondersi nel midollo spinale dei piccoli pazienti. Una nuova strada terapeutica per questo tumore pediatrico, in particolare per quello di 'Gruppo 3', la forma a più alto rischio di morte (che si verifica in più del 40% dei casi entro 5 anni dalla diagnosi), arriva dai risultati della ricerca condotta nei laboratori dell'Area di Oncoematologia del Bambino Gesù.

Tumore al seno, via alla Carovana della Prevenzione promossa da Komen Italia e ASPI

La scoperta

Il team di scienziati ha identificato un nuovo meccanismo molecolare, la cui alterazione è responsabile dell'aggressività del medulloblastoma. In particolare, è stato scoperto che nel tumore di Gruppo 3 la proteina Ambra1 viene prodotta a livelli eccessivi e, di conseguenza, tutti i processi da essa regolati (autofagia e identità staminale) funzionano in maniera anomala. A causa della sovrabbondanza di questa proteina, infatti, il meccanismo utilizzato dalle cellule per liberarsi delle componenti danneggiate (autofagia) si potenzia e le cellule tumorali sfruttano questa circostanza per sopravvivere e proliferare. Inoltre, l'eccesso di Ambra1 mantiene le cellule in una condizione staminale che da un lato le aiuta a replicarsi più velocemente, accumulandosi nei tessuti di origine sino a formare grosse masse tumorali, e dall'altro le aiuta nella loro capacità di migrare e formare metastasi. Partendo da questi risultati di laboratorio, i ricercatori hanno dimostrato che la combinazione di due farmaci (un inibitore dell'autofagia e un inibitore del fattore di staminalità Stat3) consente di bloccare non solo la crescita del tumore, ma anche la sua capacità di produrre metastasi. La proteina era già stata identificata dallo stesso team di ricercatori del Bambino Gesù come potente oncosoppressore in altri tumori sia pediatrici che dell'adulto, a causa del suo ruolo diretto nella regolazione del ciclo cellulare. Questo passo avanti la propone anche come bersaglio di grande rilevanza. «Molti bambini presentano già metastasi al momento della diagnosi, rendendo imprescindibile lo sviluppo di terapie più efficaci - spiega Cecconi - Per i pazienti con medulloblastoma di gruppo 3, che hanno una prognosi spesso infausta, c'è urgente bisogno di integrare nuove possibilità di trattamento e, se confermati nell'applicazione clinica, i nostri risultati potrebbero portare a una terapia personalizzata contro questa forma aggressiva di tumore cerebrale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA