Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Covid, non solo Sputnik: dalla Russia in arrivo altri tre vaccini e due spin off. Il perché del successo

Venerdì 5 Marzo 2021
Sputnik e i suoi derivati: tutti i vaccini anti Covid Made in Russia

Il vaccino Sputnik V anti Covid continua a guadagnare consensi e presto arriveranno almeno altri tre suoi alleati sempre  "made in Russia". Il presidio russo per eccellenza è sulla buona strada per laurearsi con lode anche alla corte dell'Ema (e dunque vedersi spianata la via del ricco, quanto sofferente, mercato europeo). Eppure Mosca - aspetto alquanto sottovalutato in Occidente - di vaccino non ne ha prodotto uno solo. In tutto, infatti, sono tre - compreso lo Sputnik - quelli già registrati dal regolatore nazionale. E altri tre sono allo studio. Partiamo da quello in fase più avanzata, ovvero l'EpiVacCorona, sviluppato dal Centro di ricerca statale russo di virologia e biotecnologia Vector (un tempo epicentro del programma di sviluppo delle armi biologiche dell'Unione Sovietica).

Covid, Galli: «Sputnik? E' un vaccino importante»

Lo Sputnik

 

Registrato nell'ottobre del 2020, il vaccino consiste in brevi frammenti di proteine virali sintetizzati artificialmente - peptidi - che fanno riconoscere e neutralizzare il virus al sistema immunitario. Fra poco - metà marzo - verrà ufficialmente utilizzato nella campagna vaccinale russa, che conta di raggiungere l'immunizzazione della popolazione «entro l'autunno».

Il terzo è il Covivac del centro Chiumakov dell'Accademia delle Scienze. Registrato in via emergenziale lo scorso febbraio, deve ancora affrontare i test clinici di fase 3. Vediamo invece i vaccini ancora allo studio. Come il candidato dell'agenzia federale di medicina e biologia (Fmba). I test clinici inizieranno a luglio e in questo caso saranno combinate la fase 1 e 2. A differenza di altri, il vaccino Fmba colpisce non la proteina S ma altri componenti proteici del virus e provoca lo sviluppo dell'immunità non attraverso l'attivazione di anticorpi ma a livello cellulare (così, secondo i ricercatori, l'immunità potrà durare per anni).

Sputnik, Di Maio: “Ci rimettiamo a decisioni Ema, accelerare campagna in Ue”

 

Gli "spin-off"

Infine ci sono due "spin-off" dello Sputnik. Il primo è in forma di gocce nasali. «I test clinici dovrebbero iniziare ad aprile per la successiva produzione in serie», ha assicurato il ministro dell'Industria e del Commercio Denis Manturov. Ultimo, ma non ultimo, lo Sputnik Light (o Lite). In pratica si tratta dello Sputnik V, ma a singola dose (simile in questo al vaccino Johnson&Johnson). La fase 2 dei test è appena stata completata.

Vaccino, ecco come funziona Covaxin: il siero indiano efficace all'80%

Video

Ultimo aggiornamento: 19:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA