Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumore al polmone, lo screening riduce il tasso di mortalità del 35%

Sabato 18 Settembre 2021, 15:43

Nuovo studio su quello del rene

Una cura ora usata per il trattamento del tumore a cellule renali in stadio avanzato e per quello epatocellulare può essere utile contro una forma rara del tumore della tiroide. È quanto emerge dalla ricerca Cosmic-311 di Fase III presentata al Congresso 2021 di Esmo, la Società europea di medicina oncologica. A poco più di 10 mesi il cabozantinib ha continuato a dimostrare una sopravvivenza mediana libera da progressione del carcinoma differenziato della tiroide che non ha risposto alle cure al radioiodio, con una riduzione del rischio di avanzamento del cancro o di morte del 78% rispetto al placebo. Questa analisi è coerente con i dati dello studio presentato al Congresso annuale 2021 della American Society of Clinical Oncology (Asco) e pubblicato su The Lancet Oncology. I dati di efficacia e sicurezza dell'analisi dello studio Cosmic-311 sono alla base della richiesta di variazione sottoposta ad Ema, l'agenzia regolatoria europea per i medicinali, per un'estensione dell'indicazione di cabozantinib nel carcinoma differenziato della tiroide refrattario al radioiodio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA