CORONAVIRUS

Covid, bambino di 2 anni colpito da virus e polmonite batterica: ricoverato in ospedale a Treviso

Venerdì 12 Febbraio 2021 di Mauro Favaro
Covid, bambino di 2 anni colpito da virus e polmonite batterica: ricoverato in ospedale a Treviso

TREVISO - E' stato colpito sia da una polmonite batterica che dal coronavirus. E non è escluso che quest'ultimo abbia potuto facilitare lo sviluppo della prima. E' questo il quadro del bambino di due anni ricoverato nell'area isolata del reparto di Pediatria dell'ospedale di Treviso. I medici si stanno concentrando sulla polmonite batterica. E' questo il principale motivo del ricovero. E a quanto pare la risposta è buona. Nel corso dell'epidemia l'unità del Ca' Foncello ha complessivamente accolto 12 piccoli pazienti contagiati dal Covid. Tutti hanno potuto far ritorno a casa dopo un periodo di osservazione. 

Sindrome scatenata dal Covid: bambina di 11 anni grave in Pediatria a Padova


PICCOLI DEGENTI

Ma ci sono stati anche casi più impegnativi. A Treviso sono stati ricoverati 7 bambini con la Mis-C, cioè la sindrome multi-infiammatoria sistemica che può sorgere tra le due e le sei settimane dopo l'infezione da coronavirus, presentando caratteristiche simili a quelle della malattia di Kawasaki. L'ultimo piccolo paziente è stato dimesso giusto la settimana scorsa.

 

«Sono pazienti che risultano negativi al tampone molecolare, ma sviluppano una iper-infiammazione sistemica fa il punto il primario Stefano Martelossi non si conoscono ancora nel dettaglio tutti i meccanismi patogenetici che stanno alla base del problema. Sostanzialmente è come se il sistema immunitario a un certo punto perdesse il controllo: le molecole che servono a combattere le infezioni danno vita a una iper-infiammazione che può essere anche severa, andando a colpire molto frequentemente il muscolo cardiaco, il sistema gastro-intestinale, la cute o anche il polmone». Diversi piccoli pazienti si sono rivolti all'ospedale per un forte mal di pancia. Tanto che all'inizio c'era pure il sospetto di una appendicite acuta. 

Covid, con le varianti cambiano i sintomi: dal mal di testa ai brividi, le 4 spie del contagio


LA CURA

«I pazienti con la Mis-C hanno rappresentato i casi più impegnativi sottolinea il primario vengono trattati non con gli antivirali ma con le immunoglobuline e con il cortisone». All'inizio dell'epidemia da coronavirus, nel marzo dell'anno scorso, una ragazzina era finita anche in Terapia intensiva a Treviso. Un caso, quest'ultimo, che ricorda quello del bambino di 11 anni della zona di San Donà a sua volta con la sindrome Mis-C attualmente ricoverato nella Pediatria dell'ospedale di Padova. Generalmente la sindrome multi-infiammatoria sistemica non colpisce pazienti piccolissimi. A livello medio, si va dai 5 al 15 anni. «Fortunatamente tutti i casi che abbiamo trattato a Treviso si sono risolti per il meglio conclude Martelossi hanno risposto molto bene alla terapia, anche quelli che inizialmente sembravano tra i più severi». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA