No Vax, l'appello dell'infermiera di Cagliari dalle terapie intensive: «Vaccinatevi»

Mercoledì 4 Agosto 2021
«Vaccinatevi», l'appello dell'infermiera dalle terapie intensive

«Vaccinatevi». Scritta rossa sulla tuta bianca, e sotto un sorriso. Un'infermiera del reparto di rianimazione, ovvero le terapie intensive, dell'ospedale SS. Trinità di Cagliari, in Sardegna, ha deciso di lanciare questo messaggio. Che è stato subito rilanciato sui social da un suo collega infermiere e capogruppo del Pd in Consiglio Comunale a Cagliari, Fabrizio Marcello. 

No vax ricoverata con il Covid: «Terribile, se potessi tornare indietro mi proteggerei»

L'immagine virale

«Lo può solo scrivere la nostra collega della Rianimazione, lo fa perché le Parole, ormai per molti sono diventate vane. Lo fa lanciando l'ennesimo appello, perché i suoi occhi vedono cosa sta succedendo. Purtroppo per la quarta volta si dovrà bardare da palombara, molto probabilmente non farà ferie, non aggiungo il suo stato d'animo», scrive su Facebook. «Ormai le parole non servono più e c'è rimasto solo questo: un'immagine forte, non per seminare il terrore, ma per lanciare un appello e sensibilizzare gli animi delle persone - spiega all'ANSA - Se si continuano a ricoverare pazienti Covid non si riuscirà a dare risposte a quelli non Covid: bisogna spezzare la catena di contagio e il vaccino è un valido alleato. Martedì prossimo porterò di nuovo la questione in Consiglio Comunale per dare un nuovo messaggio di speranza».

 

In Sardegna salgono i ricoveri

La Sardegna si avvia a raggiungere le 2milioni di somministrazioni anti Covid19 (1.872.946 oggi, il 95,2% delle 1.967.099 consegnate), con una percentuale di immunizzazione della popolazione che supera il 51% per complessivi 836.648 sardi con due dosi (62,56% con una sola dose o monodose cioè oltre un milione di vaccinati). Ma la battaglia per sconfiggere il virus è ancora lunga e l'immunità di gregge con l'80% della popolazione isolana si potrebbe raggiungere solo a fine settembre. Inoltre salgono sempre più i ricoveri, soprattutto nelle terapie intensive che hanno toccato la soglia critica del 10% con un boom di ingressi tra i non vaccinati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA