CORONAVIRUS

Covid, la Svezia senza lockdown e con restrizioni volontarie: «Nel 2020 tasso di mortalità tra i più bassi d'Europa»

Giovedì 25 Marzo 2021 di Michele Galvani
Svezia senza lockdown e con misure volontarie: «Nel 2020 il tasso di mortalità più basso in Europa»

Adesso è ufficiale: la Svezia ha compiuto una vera impresa nella lotta alla pandemia. Il paese - ormai è noto - ha evitato i rigidi blocchi che hanno soffocato gran parte dell'economia globale: il risultato è che nel 2020 ha mostrato un aumento minore del suo tasso di mortalità complessivo rispetto alla maggior parte dei paesi europei. Lo rivela un'analisi con dati ufficiali, resi noti dall'agenzia internazionale Reuters.

Gli esperti nazionali di malattie infettive hanno detto che i risultati non potevano essere interpretati come prove del fatto che il lockdown non fosse necessario, ma hanno riconosciuto che potrebbero indicare come la posizione generale della Svezia nella lotta all'epidemia abbia meriti che vale la pena studiare. La scorsa settimana, Germania e Francia hanno esteso i blocchi per l'aumento dei casi di coronavirus e gli alti tassi di morte, mosse che secondo gli economisti ritarderanno ulteriormente la ripresa economica. Mentre molti europei hanno accettato i blocchi come ultima risorsa - data l'incapacità di tenere sotto controllo la pandemia con altri metodi - negli ultimi mesi queste mosse hanno provocato proteste di piazza a Londra e Amsterdam, per esempio. La Svezia, nel frattempo, ha fatto affidamento principalmente su restrizioni volontarie incentrate sul distanziamento sociale, una buona igiene e regole mirate che hanno mantenuto scuole, ristoranti e negozi ampiamente aperti. Un approccio che ha risparmiato all'economia molti dei danni subiti invece altrove in Europa.

Astrazeneca, la Danimarca sospende ancora le vaccinazioni: «Serve più tempo». Stop anche in Finlandia

I dati preliminari dell'agenzia statistica dell'UE Eurostat compilati da Reuters hanno mostrato che la Svezia ha avuto il 7,7% di morti in più nel 2020 rispetto alla media dei quattro anni precedenti. I Paesi che hanno optato per diversi periodi di rigorosi blocchi, come la Spagna e il Belgio, hanno registrato la cosiddetta mortalità in eccesso del 18,1% e del 16,2% rispettivamente. Ventuno dei 30 paesi con statistiche disponibili avevano una mortalità in eccesso più elevata della Svezia. 

Il capo epidemiologo svedese Anders Tegnell, una figura in gran parte sconosciuta prima della pandemia che divenne nota a livello internazionale come la figura di riferimento della risposta svedese, ha detto alla Reuters: «Questi dati sollevano dubbi sull'uso dei blocchi».

Le persone probabilmente penseranno molto attentamente a questi lockdown totali, a quanto siano stati davvero efficaci - ha spiegato -. Potrebbero aver avuto un effetto a breve termine, ma quando lo guardi durante la pandemia, diventi sempre più dubbioso», ha detto Tegnell, che ha in passato ricevuto sia minacce di morte sia fiori in segno di apprezzamento.

Prolungamento lockdown, Merkel (sommersa dalle critiche) fa retromarcia

Altri esperti sanitari avvertono che l'interpretazione dei dati sulle morti in eccesso comporta il rischio di ignorare variabili cruciali. «Tutti noi dobbiamo stare molto attenti a interpretare i dati sulla morte collegati al Covid-19, qualunque sia la sua fonte - nessuno di loro è perfetto», ha detto alla Reuters Mark Woolhouse, professore di epidemiologia delle malattie infettive presso l'Università britannica di Edimburgo. «Sollevano una domanda sul fatto che, in effetti, la strategia della Svezia abbia avuto un relativo successo. Certamente sollevano questa domanda», ha detto, commentando i dati pubblicati per la prima volta sui media svedesi e controllati dall'ufficio statistico svedese. Anche Keith Neal, professore di malattie infettive all'Università di Nottingham, ha consigliato cautela. Ha citato una serie di fattori come la struttura per età e la salute generale di una popolazione, la dimensione media della famiglia.

 

La percentuale della Svezia di persone di età superiore a 80 anni era del 5,1% all'inizio del 2019, inferiore alla media dell'UE del 5,8% ma alla pari con il Regno Unito e superiore a Norvegia e Danimarca.

La popolazione svedese è anche generalmente più sana della media dell'UE, con un'aspettativa di vita di 82,6 anni nel 2018, rispetto a una media di 81,0 anni nell'UE. La strategia della Svezia è stata pesantemente criticata da alcuni nella Svezia stessa e soprattutto all'estero per essere sconsiderata e non sufficiente a proteggere i gruppi vulnerabili dalla malattia. Tuttavia, il 43% degli svedesi ha una fiducia alta o molto alta nel modo in cui viene gestita la pandemia, mentre il 30% ha una fiducia bassa o molto bassa, secondo un recente sondaggio. Il governo e le autorità sanitarie svedesi hanno ammesso di non essere riusciti a proteggere gli anziani svedesi, ma hanno affermato di aver fatto il possibile per sopprimere la malattia, tenendo in considerazione anche la salute generale della popolazione. Il bilancio ufficiale delle vittime del Covid-19 in Svezia è di oltre 13.000, anche se alcune persone potrebbero essere morte per cause diverse dalla malattia.

AstraZeneca aggiorna i dati ufficiali sul suo vaccino: meno efficace dell'analisi precedente, ora è al 76%

Vaccino, Regioni del Centro-Sud meglio di quelle del Nord. Sugli anziani la Sardegna in grave ritardo

Ultimo aggiornamento: 13:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA