Covid, morto il pioniere della ricerca sull'Aids: «Stroncato dal virus in pochi giorni». Aveva 69 anni

Domenica 14 Febbraio 2021
Covid, morto il pioniere della ricerca sull'Aids: «Stroncato dal virus in pochi giorni». Aveva 69 anni

David Katzenstein, un ricercatore sull'AIDS che ha portato metodi innovativi di prevenzione, diagnosi e trattamento nell'Africa sub-sahariana, è morto per le complicazioni dovute al Covid-19. Aveva 69 anni.

Covid, muore a 51 anni Andrew Books, l'inventore del primo test salivare per il Covid: «Un eroe»

David, un amato membro anziano della divisione Malattie infettive e medicina geografica, è morto domenica 24 gennaio. Gli era stato diagnosticato il coronavirus solo pochi giorni fa e la sua salute è peggiorata nel giro di pochi giorni. Professore di ricerca sulle malattie infettive, Katzenstein era appassionato del suo lavoro sull'HIV e di salute internazionale. La sua esperienza, in combinazione con la sua natura solidale, lo ha reso un luminare nel suo campo. Era adorato dai suoi colleghi negli Stati Uniti, così come da quelli dello Zimbabwe, la sua seconda casa e luogo al momento della sua morte. In una lettera alla facoltà, Upinder Singh, professore e capo divisione di malattie infettive e medicina geografica, lo ha descritto affettuosamente così. «La sua esperienza e passione per l'HIV e la salute del mondo lo hanno reso un mentore».

E ancora: «Il mondo ha perso una persona speciale. David era un buon amico, un brillante scienziato e ricercatore, il cui entusiasmo e passione per il suo lavoro e la sua vita erano contagiosi». David aveva iniziato la sua carriera nei primi anni '80 lavorando con popolazioni svantaggiate in una clinica Native Tribal nel New Mexico e con persone affette da AIDS presso la Haight Ashbury Clinic di San Francisco. In qualità di membro della facoltà junior, ha condotto ricerche sul CMV presso l'Università del Minnesota, quindi ha assunto una posizione di microbiologo presso l'Università dello Zimbabwe ad Harare tra il 1985 e il 1987.

Covid, è morto il chirurgo plastico di Beverly Hills: «Contagiato da una paziente per un colpo di tosse»

David è rimasto subito estasiato e da quel momento, la sua vita accademica si è intrecciata con molti colleghi e collaboratori in Zimbabwe e in altre aree povere di risorse. Quando gli effetti devastanti della pandemia di HIV divennero evidenti, David si unì ai primi pionieri che conducevano la ricerca sull'HIV. Tra il 1987 e il 1989 è stato Senior Research Fellow presso il Center for Biologics, Evaluation, and Research presso la Food and Drug Administration. Nel 1989, David è entrato a far parte della facoltà presso la Stanford University, dove è rimasto fino al suo ritiro allo status di emerito nel 2017.

Morto un altro dottore a Napoli, Daniele Cagnacci stroncato dal Covid in 5 giorni

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA