No-vax, morti quattro conduttori radio negli Usa: prima le accuse, poi i pentimenti (tardivi)

Giovedì 16 Settembre 2021
No-vax, morti quattro conduttori radio negli Usa: prima le accuse, poi i pentimenti (tardivi)

Quattro conduttori di talk-show radiofonici conservatori che si autoproclamavano No-vax sono morti dopo aver contratto il Covid a poche settimane di distanza l'uno dall'altro negi Usa. Il più recente è stato Marc Bernier, 65 anni, che ha detto ai suoi ascoltatori nel suo programma radiofonico a Daytona Beach, in Florida, di essere "Mr. Anti-Vax” nel dicembre 2020, quando il vaccino Covid è stato autorizzato per la prima volta per la somministrazione agli americani, secondo quanto riportato dal Washington Post. 

Bob Enyart, morto di Covid lo speaker radiofonico No vax che derideva anche i malati di Aids

Ad agosto, WNDB, la stazione su cui è andato in onda il programma di Bernier, ha detto agli ascoltatori che era in cura in un ospedale per Covid. WNDB ha rilasciato una dichiarazione sabato annunciando la sua morte che diceva in parte: «È con grande tristezza che WNDB e Southern Stone Communications annunciano la morte di Marc Bernier. Marc ha informato e intrattenuto gli ascoltatori su WNDB per oltre 30 anni mentre godeva di una carriera di successo di 46 anni come giornalista televisivo. Mancherà a molti amici, familiari e colleghi».

Prima della morte di Bernier, Phil Valentine, 61 anni, Jimmy DeYoung, 81, e Dick Farrel, 65, - tutti conduttori radiofonici che hanno denunciato il vaccino Covid  - sono morti dopo aver contratto il virus. Valentine, un popolare dj nel Tennessee su WTN a Nashville, che ha usato una parodia di una canzone per rappresentare il suo punto di vista chiamato "Vaxman" basato sul brano dei Beatles "Taxman", è morto il 21 agosto. Farrel, che aveva lavorato per le stazioni di Miami e Palm Beach, in Florida, nonché per il canale televisivo Newsmax, e aveva notoriamente definito il principale esperto di malattie infettive della nazione, il dottor Anthony Fauci, un «maniaco bugiardo», è morto il 4 agosto, secondo il Post. E DeYoung, un predicatore cristiano che durante la sua trasmissione "Prophecy Today" aveva chiesto a un ospite se il lancio del vaccino fosse "un'altra forma di controllo del governo sulle persone", è morto il 15 agosto, ha detto il Post.

Mentre i quattro conduttori erano strenui oppositori del vaccino Covid, vicino alla morte almeno due dei presentatori radiofonici hanno esortato gli ascoltatori a farsi vaccinare prima di morire. Il fratello di Valentine, Mark Valentine, è andato in onda per suo conto, dicendo: «Per coloro che ascoltano, so che se fosse in grado di dirtelo, ti direbbe: vai a vaccinarti. Smettila di preoccuparti della politica. Smettila di preoccuparti di tutte le teorie del complotto”».

«Non hai fatto il vaccino, non puoi entrare». Mamma vieta l'ingresso alla figlia nel suo locale

Mark ha anche rilasciato una dichiarazione simile a The Tennessean per conto di suo fratello. La famiglia di Valentine ha anche rilasciato una dichiarazione in cui affermava che Valentine aveva rimorso per i vaccini Covid che aveva deriso in onda. La dichiarazione della famiglia, ottenuta dal Post, recita: “Phil vorrebbe che i suoi ascoltatori sapessero che, sebbene non sia mai stato un anti-vaccino, si rammarica di non essere più veementemente «pro-vaccino», e non vede l'ora di essere in grado di sostenere con più vigore quella posizione non appena sarà di nuovo in onda, cosa che tutti speriamo sarà presto», come riportato dal Post. Farrel ha anche cambiato idea sulle vaccinazioni, ha detto al Post la sua amica di lunga data Amy Leigh Hair. Ha detto: «Quando si è ammalato gravemente, mi ha mandato un messaggio spiegandomi che questa pandemia non è uno scherzo».

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche