Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

The Undertaker Sinistra, morto campione di kickboxing: era No vax e aveva rifiutato il ricovero per Covid

Dopo un primo ricovero minacciato dal suo allenatore, aveva scelto di curarsi a casa

Domenica 26 Dicembre 2021
The Undertaker Sinistra, morto campione di kickboxing: era No vax e aveva rifiutato il ricovero

Frederic Sinistra, ex campione del mondo e d'Europa di kickboxing, è morto a 41 anni dopo aver lottato alcune settimane (prima in ospedale, poi in casa) contro il Covid. A dare l'annuncio è stata la moglie con un post sui social, dove l'atleta, soprannominato "The Undertaker" (il becchino) o "l'uomo più forte del Belgio", aveva raccontato in presa diretta la sua battaglia contro il virus. A cui però non aveva mai creduto veramente, ritenendola una malattia come un'altra. Un negazionista convinto, quindi, che infatti dopo il ricovero quasi ordinato dal suo allenatore Osman Yigin, aveva deciso di continuare a curarsi a casa. «Gli ho detto che non lo avrei allenato di nuovo se non fosse andato in ospedale», aveva raccontato l'allenatore. Sinistra in diverse foto sul suo profilo Instagram si è mostrato intubato nel letto d'ospedale: «La PCR che mostra un'infiammazione ai polmoni è 165, e la norma è tra 0 e 5. Ma un guerriero non abdica mai, tornerò ancora più forte».

Maurizio Stecca, l'ex pugile ricoverato per Covid: «Il match più difficile della mia vita»

 

 

Gli ultimi post sui social

Il 13 dicembre poi ha spiegato su Facebook di continuare le cure a casa: «Grazie per il vostro sostegno. Mi sto riprendendo a casa, come dovrebbe essere. Tornerò mille volte più forte». In realtà così non è stato, perché dopo un post sui social in cui ringraziava chi lo aveva sostenuto «soprattutto in quest'ultimo calvario in cui ho visto la morte» è arrivata la notizia della morte. «Ma mio marito non è morto di Covid - ci ha tenuto a specificare la moglie - e non avrebbe mai accettato che quello che gli è successo fosse usato per diffondere paura e rivendicare la vaccinazione».

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA