Vaccini, chiamano per la prenotazione ma risponde un hacker: rubati dati delle carte di credito

Sabato 6 Febbraio 2021
Vaccini, chiamano per la prenotazione ma risponde un hacker: rubati dati delle carte di credito

Chiamavano per prenotare il vaccino, ma non sapevano che al telefono c'era un hacker. Che chiedeva (e rubava) i dati delle carte di credito. Una truffa scoperta in tempo, fortunatamente. Una linea diretta istituita per aiutare le persone nella pianificazione della vaccinazione contro il Covid-19 di Allegheny County in Pennsylvania «è stata parzialmente compromessa», hanno fatto sapere i funzionari della contea. Il servizio è stato aperto giovedì a mezzogiorno per aiutare i residenti di età pari o superiore a 65 anni che non hanno accesso a Internet o necessitano di ulteriore assistenza, ha raccontato la CNN. La contea ospita Pittsburgh, la seconda città più popolosa dello stato. Succede in AMerica, ma il sistema può essere "importato" ovunque. Anche in Italia. Dunque, massima attenzione.

Vaccini, allarme della polizia: «Non condividete sui social la vostra scheda, così online rivendono false somministrazioni»

A un certo punto «a metà pomeriggio», il dipartimento della sanità della contea si è reso conto che un hacker stava intercettando i chiamanti e li deviava dalla linea di assistenza senza che loro lo sapessero. «Non sappiamo quale operatore sia stato coinvolto o su quanti chiamanti abbia avuto un impatto. Il problema è stato risolto», hanno spiegato le forze dell'ordine locali.

Alcuni residenti hanno detto che quando hanno chiamato, la persona dall'altra parte della linea ha chiesto loro i dati della carta di credito. La contea di Allegheny non ha confermato la natura delle presunte chiamate dell'hacker, ma ha ordinato ai truffati di contattare l'FBI. «Un Navigator 2-1-1 non chiederà mai informazioni finanziarie personali come numeri di carte di credito o chiederà di inviare denaro prima di fissare un appuntamento», si legge in un comunicato. L'FBI non ha confermato né negato l'esistenza di un'indagine. 

Focolaio nell'ospedale di Rovigo: 20 positivi su 30 pazienti. Si indaga su infermieri no-vax. Burioni: «Inaccettabile»

Man mano che il vaccino Covid-19 diventa disponibile, i truffatori stanno inevitabilmente approfittando della situazione, sfruttando le informazioni personali che vengano esposte (anche sui social). «Rimanere vigili e informati è il modo migliore per impedire ai truffatori di accedere ai tuoi soldi o alle tue informazioni private. E fai la vaccinazione solo nei siti di vaccinazione autorizzati», hanno detto le autorità, rivolgendosi soprattutto agli anziani.

Piombo nei vaccini anti-Covid? No. Ecco cosa contiene davvero (compresi gli eccipienti)

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA