Israele, minacce "No Vax" alla ricercatrice sui vaccini: «Sarai con Hitler all'inferno»

Mercoledì 10 Marzo 2021
Israele, minacce "No Vax" a ricercatrice su vaccini: «Sarai con Hitler all'inferno»

Una campagna di odio e di minacce lanciata sul web da sostenitori di No Vax si sta abbattendo in questi giorni contro la professoressa Galia Rahav, figura di spicco da un anno nella lotta al Covid nonché direttrice del laboratorio di ricerca sulle malattie infettive nel centro medico Sheba di Tel Aviv. Mentre le autorità sanitarie ancora esaminano la possibilità di passare nei prossimi mesi alla vaccinazione anti-Covid di bambini, contro Rahav sono comparse accuse roventi. Fra queste, riferisce Yediot Ahronot, che sarebbe stata pagata dalla Pfizer per influenzare il ministero della Sanità.

Covid, nel Lazio spuntano gli over 80 no-vax: sono 20 mila

Qualcuno ha anche inviato alla professoressa, figlia di sopravvissuti alla Shoah, un messaggio esplicito: «Ti auguriamo che Dio ti prenda presto, Amen. Sarai la vicina di Hitler, nell'inferno». Il ministero della Sanità di Israele è rimasto scosso dalle espressioni di odio. In un comunicato ha ricordato oggi che la professoressa Rahav si tiene a sua disposizione «in totale volontariato». Ha aggiunto che nella sua lunga e apprezzata carriera «essa ha salvato migliaia di vite umane. Respingiamo con sdegno - ha concluso il ministero - le accuse vergognose che le vengono rivolte». 

Il fenomeno No Vax in Israele

Ma quello delle minacce no vax a medici e sanitari sembra essere un fenomeno più ampio in Israele. Secondo quanto riporta il "The Time of Israel", l'Associazione Medica Israeliana ha chiesto mercoledì l'apertura di un'indagine penale sulle minacce e istigazioni da parte di No Vax contro gli operatori sanitari che lavorano per promuovere la vaccinazione.

 

I medici israeliani dichiarano di essere paragonati spesso ai nazisti: l'epidemiologo Prof. Hagai Levine, ha rivelato a Channel 12 di aver ricevuto telefonate e commenti online in cui è stato paragonato al criminale di guerra nazista Josef Mengele, che ha eseguito esperimenti medici sugli esseri umani. Altri medici, invece, vengono falsamente accusati di avere un interesse privato ed economico nelle società farmaceutiche che producono i vaccini.

Covid a Cesena, operatrice di una casa di riposo non si vaccina e si ammala: contagiati 6 anziani. Struttura isolata

Oltre alle minacce, gli attivisti No Vax sono più volte scesi in piazza contro il governo per dirsi contrari alla somministrazione del vaccino anti-Covid. In una manifestazione all'inizio di questo mese a Tel Aviv, diverse centinaia di persone si sono riunite per protestare contro il programma governativo che garantisce ai vaccinati l'accesso ai luoghi pubblici rispetto a coloro che rifiutano l'iniezione. In quell'occasione erano apparsi striscioni che giudicavano il sistema del pass verde come forma di apartheid, tra tutti, anche uno striscione che paragonava il Green pass ai numeri tatuati dai nazisti sulle braccia dei detenuti dei campi di concentramento.

Israele, riaprono caffè e ristoranti: vaccinata oltre metà della popolazione. E arriva il siero per bambini

 

Ultimo aggiornamento: 13:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA