Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Zanzibar, il paradiso senza casi Covid da aprile: feste in disco, niente mascherine e turisti boom

Domenica 20 Dicembre 2020 di Michele Galvani
Zanzibar, un milione di abitanti ma da aprile zero casi Covid: feste, niente mascherine e boom di turisti

La favola di Zanzibar: zero caso Covid. Spiagge piene, feste, balli, musica, boom di turisti, niente mascherine né tamponi. Ospedali vuoti, delle terapie intensive nessuna traccia. Insomma, la cittadina della Tanzania vive un sogno: è davvero un caso, un “unicum” nel mondo durante questa pandemia che sta mettendo in ginocchio la popolazione. Nonostante gli 1,3 milioni di abitanti, l'ultimo contagio risale addirittura alla fine di aprile. Prima di allora, il presidente John Magufuli, aveva detto che i casi di coronavirus nella sua nazione erano dovuti solo a test difettosi. I laboratori per le analisi avrebbero cioè operato dei test su una capra, una pecora e una papaya, poi risultati positivi. Il presidente aveva chiesto alle forze di sicurezza di verificare la qualità dei kit: una volta finiti quei pochi contagi, il governo della Tanzania ha rimosso quasi tutte le misure precauzionali volte a contenere la diffusione del COVID-19. I voli internazionali sono aperti, salvo poi fare i controlli agli arrivi nei casi di sintomi acclarati. Solo a quel punto scatterebbe l'isolamento, di cui però ad oggi non si hanno notizie.

«Qui non abbiamo mai chiuso - racconta da Zanzibar Andrea Celly, titolare di un hotel - nonostante la grande affluenza di turisti rimaniamo senza casiNiente restrizioni, niente mascherine, solamente sole, mare e spiagge bianche piene di turisti. I turisti qui sono sempre venuti, io sono pieno, ho prenotazioni complete fino al 15 marzo». La sera si «va in discoteca, si balla - racconta Andrea, di Verona, da 8 anni a Zanzibar con la moglie -  non c'è nessuna paura, niente terrore: sono spariti anche i disinfettanti per le mani che avevamo messo all'inizio». Ci sono foto di spiaggia piene di gente, video di ragazzi che ballano in discoteca. Assembramenti ovunque.

Roma, «vigili nelle case contro le feste». La linea dura del Campidoglio: nel mirino anche b&b e hotel

Effettivamente, controllando le statistiche ufficiali della Commissione per il turismo della Tanzania, si legge: 12,157 visitatori a ottobre: il 69% europei, di cui l'11% italiani. 10,172 i visitatori arrivati in aeroporto, sempre ad ottobre. Ma la località turistica, una delle più incontaminate del pianeta, è piena anche di «francesi, russi, ucraini, spagnoli - racconta ancora Andrea - dopo aver letto che a Wuhan sono tutti tornati a festeggiare ho pensato di far sapere che qui si sta benissimo». Difficile dargli torto.

 

Ultimo aggiornamento: 21 Dicembre, 08:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA