Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'avvertimento degli scienziati: «Niente alcol se hai meno di 40 anni»

Lunedì 18 Luglio 2022
«Niente alcol se hai meno di 40 anni»: l'avvertimento di una nuova ricerca a livello mondiale

Nemmeno una goccia d’alcol se hai meno di 40 anni. È questo il risultato di una ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista Lancet e condotta dalla University of Washington di Seattle, negli Stati Uniti. Secondo lo studio “Global Burden of Diseases”, che ha analizzato le cause di malattie e morte di oltre 200 paesi del mondo negli ultimi 30 anni, l’alcol produrrebbe conseguenze più pericolose nei giovani, con gli Over 40 che invece trarrebbero dei benefici per la loro salute dal classico bicchiere di vino rosso quotidiano.  Arrivati a un’età in cui diabete, problemi cardiovascolari e ictus sono tra le principali cause di morte a livello mondiale, «una piccola quantità di alcol è preferibile alla non assunzione», ha sottolineato alla CNN la professoressa Emmanuela Gakidou, tra gli autori dello studio. Un’apertura rispetto alla medesima ricerca pubblicata quattro anni fa, in cui si affermava come anche un solo drink consumato ogni tanto fosse dannoso per la salute e si raccomandava a tutti la totale astinenza da birra, vino e superalcolici.

Quali sono i rischi legati all'alcol

Il report ha analizzato i rischi connessi all’alcol sulla base di diversi parametri: età, sesso, anno e collocazione geografica: i ricercatori hanno così scoperto come a livello globale siano gli individui di sesso maschile tra i 15 e i 39 anni a subire maggiormente gli effetti nocivi del bere, talvolta causa di incidenti stradali, suicidi e atti di violenza. Ipotizzando che un drink standard consista in 100 ml di vino rosso a 13 gradi o una lattina di birra al 3,5%, gli autori del lavoro hanno calcolato la quantità di alcol massima giornaliera raccomandabile: per gli uomini 15-39 il valore si attesta sullo 0.136 (quindi 13 ml di vino, circa un cucchiaio), mentre per le donne della stessa età la cifra sale a 0.26, ovvero un quarto di una dose tradizionale, pari a mezza tazzina da caffè di vino rosso. Per gli amanti di un buon bicchiere, basterà solo attendere qualche anno: con l’avanzare dell'età aumenta la quantità concessa: superati i 40 si possono consumare quasi due drink al giorno, senza dimenticare – ricorda però l’articolo su Lancet – che i rischi per la salute crescono con ogni goccio di alcol in più.

Ultimo aggiornamento: 15:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA