Ambiente, nasce la scuola di Alta formazione in Transizione ecologica. Pepe: «Svolta culturale verso nuovo modello sostenibile»

Pepe: «Svolta culturale verso nuovo modello sviluppo sostenibile»

Sabato 18 Settembre 2021
Ambiente, nasce la scuola di alta formazione in transizione ecologica. Pepe: «Svolta culturale verso nuovo modello sostenibile»

«Oggi nasce la scuola di Alta formazione in Transizione ecologica di Fareambiente, una scuola rivolta ad oltre quaranta giovani che si formeranno sul significato della transizione ecologica e sui concreti motivi per cui l'Italia deve avviarsi verso una transizione culturale, per un nuovo modello di sviluppo sostenibile del Paese». Lo dice Vincenzo Pepe, presidente nazionale di Fareambiente, introducendo la conferenza stampa di presentazione della Scuola di Alta formazione in Transizione ecologica, stamane a Roma a Palazzo Giustiniani, come si legge su Adnkronos. «La sensibilità ambientale è utile alla società ma è figlia di una visione del mondo di tipo spirituale - dichiara nel suo intervento il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli. La natura è l'altra faccia del sacro quindi abbiamo il dovere di preservare questo patrimonio e consegnarlo migliorato alle future generazioni. L'uomo può certamente migliorare l' ambiente ma il suo intervento è utile solo se adeguatamente orientato, mentre lo stato di abbandono dell' ambiente, spacciato per salvaguardia, genera danni irreparabili. Per questo è per me motivo di onore e d'orgoglio - chiosa Rampelli - presenziare a questo evento, propedeutico all'arricchimento della formazione in materia ambientale».

Draghi ad Atene: «Sulla difesa europea non c’è molto tempo da aspettare»

 

«La transizione ecologica infatti - riprende la parola Vincenzo Pepe - è una maturazione verso un nuovo modello di sviluppo, una rivoluzione culturale che deve essere giusta e sopratutto non deve arrivare dall'alto. Tutte le cose imposte dall'alto trovano una resistenza. Il processo deve partire dal basso con l'istituzione delle convenzioni delle assise sul clima e la resilienza locali, così come in Francia». Hanno partecipato all'evento anche Fabrizio Iaccarino, responsabile sostenibilità ed affari istituzionali di ENEL Italia e i rappresentanti di A2A e ALIS.

Ultimo aggiornamento: 15:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA