Cataratta refrattiva, intervento innovativo alla clinica Mediterranea

Cataratta refrattiva, intervento innovativo alla clinica Mediterranea
Domenica 18 Ottobre 2015, 20:47 - Ultimo agg. 19 Ottobre, 10:02
3 Minuti di Lettura
Presso la Clinica Mediterranea di Napoli si è svolto il corso di Chirurgia della Cataratta Refrattiva organizzato dal Vincenzo Orfeo, direttore dell’Unità Operativa di Oculistica della Clinica Mediterranea, Segretario Nazionale AICCER ( Associazione Italiana Chirurgia Cataratta e Refrattiva) e Presidente OPI ( Oculisti dell’Ospedalità Privata Italiana). Il Corso ha riscosso un ottimo successo in quanto la cataratta, patologia estremamente frequente nella popolazione adulta - anziana, pur rappresentando un evento spiacevole per il paziente, può trasformarsi, con l’utilizzo delle nuove tecnologie, in un’importante opportunità per migliorare la qualità della vita. E questo grazie a due importanti innovazioni tecnologiche degli ultimi anni, ben spiegate nel Corso: l’utilizzo del Femtolaser e l’impianto di Cristallini Intraoculari Premium. Hanno collaborato con il Dott. Orfeo,come docenti nel corso, i dott.ri Boccuzzi, Loffredo, Avvisati, Tarallo, Teramo e Toni dell’Unità Operativa della Clinica Mediterranea. La struttura napoletana, di eccellenza in vari campi della Sanità, si è dotata già da anni delle attrezzature di avanzata tecnologia robotizzata per la chirurgia di eccellenza della Cataratta ed è a tutt’oggi, l’unica in Campania ad offrire ai pazienti tali tecnologie. La microchirurgia con il Laser a Femtosecondi è oggi la procedura d’eccellenza per l’asportazione della cataratta. Il Laser assicura incisioni perfette che, unite all’insostituibile esperienza del chirurgo con la Facoemulsificazione ad ultrasuoni, consentono i migliori risultati chirurgici. Questa grande precisione è necessaria per l’impianto di Lenti Intraoculari Premium cioè i cristallini artificiali che sostituiscono il cristallino catarattoso e che sono anche in grado di correggere tutti i difetti visivi compresa la presbiopia che costringe all’utilizzo di occhiali da vicino. Nella grande maggioranza dei casi i pazienti ottengono un’ottima performance visiva senza gli occhiali. Infatti più del 90% dei pazienti è in grado di svolgere le normali attività quotidiane da lontano e da vicino senza la necessità degli occhiali. In alcune condizioni difficili (poca luce, letture prolungate) possono richiedere una lente da vicino. Raramente possono notare di sera degli aloni intorno alle luci, cosa che in passato era molto più frequente con i cristallini di vecchia generazione. Esistono 2 tipi di cristallini: i cristallini standard, rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale, che richiedono l’uso degli occhiali per la lettura ed i cristallini Premium. Questi cristallini ad Alta Tecnologia, idonei per la maggior parte delle persone, ma non per tutti, sono in grado di correggere tutti i difetti visivi, compreso l’astigmatismo, e permettono una buona visione anche da vicino. Quest’ultima tipologia di lenti, accoppiata alla recentissima tecnologia con Laser a Femtosecondi consente risultati ottimali. Sia le lenti Premium ad Alta Tecnologia che il Laser a Femtosecondi purtroppo non sono rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale, e richiedono un intervento in regime privato. Durante il Corso il dott. Orfeo ha anche illustrato altre novità per ridurre vari disturbi oculari dei pazienti. In particolare la nuova tecnica della Vitreolisi Laser, utile per ridurre o eliminare le fastidiose “mosche volanti” che galleggiano nel campo visivo. Molti pazienti lamentano la percezione di fastidiosi corpi mobili, fluttuanti nel vitreo; ora è possibile trattare la gran parte di questi pazienti con un laser Yag di nuova generazione che è in grado di vaporizzare le fastidiose opacità, i cosidetti “Floaters”. Fino ad oggi non esisteva una cura per questi disturbi se non il ricorso, in rari casi particolari, alla tecnica chirurgica della vitrectomia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA