Il Covid ha peggiorato le abitudini alimentari dei bambini

Sabato 16 Ottobre 2021
Un bimbo con allergeni su tre è vittima di bullismo

Le abitudini alimentari de bambini hanno risentito in modo negativo dell'impatto della pandemia di Covid. A sufferirlo è uno studio pubblicato sulla rivista Current Psychology e condotto presso la University of Houston. Gli esperti hanno coinvolto 119 genitori di bimbi di 2-7 anni e valutato l'impatto del Covid e dello stress ad esso correlato sulle abitudini alimentari dei bambini. Il quadro che è emerso è che lo stress genitoriale legato all'impatto del Covid sulla quotidianità (specie durante il lockdown) peggiora i comportamenti legati all'alimentazione dei figli.

«I genitori non hanno tempo ed energie o la capacità emotiva di dedicarsi all'alimentazione dei figli, così da fare propri comportamenti diseducativi come quello di usare il cibo come premio o fare pressioni sui figli a tavola», spiega l'autore del lavoro Leslie Frankel. «Come risultato i bambini non sono in grado di avere autocontrollo su cosa e quanto magiare, che può avere conseguenze negative a lungo termine». Secondo Frankel il rischio è che i bambini adottino un'alimentazione inadeguata e incrementino il consumo di cibo spazzatura, divenendo anche incapaci di sentire l'appetito e quindi mangiare quando hanno fame, abitudini che poi nel lungo termine saranno difficili da stroncare, conclude. 

Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 11:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA