Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Emicrania con vertigini, correre e saltare con la corda può alleviare i sintomi

Martedì 31 Maggio 2022
Emicrania con vertigini, correre e saltare con la corda può alleviare i sintomi

Per l'emicrania vestibolare, una problematica del sistema nervoso che causa vertigini ripetute nelle persone soffrono di emicrania, un aiuto può arrivare da un programma di esercizi di resistenza, come salto con la corda, corsa, plank. Lo rivela uno studio condotto da esperti del Cheffe de service paramédical, di Strasburgo, e pubblicato sulla Revue Neurologique. L'emicrania vestibolare ha come sintomi principale le vertigini ma la sintomatologia non sempre si associa con l'attacco di emicrania classico. Per indagare l'efficacia dell'esercizio di resistenza sui sintomi dell' emicrania vestibolare (VM) tra i pazienti affetti da emicrania, i ricercatori hanno coinvolto in totale 385 pazienti con emicrania vestibolare.

Colesterolo alto, i segnali che il corpo ti manda da non sottovalutare

I pazienti sono stati suddivisi in modo casuale in due gruppi, uno di controllo cui erano insegnate tecniche di rilassamento, uno di intervento cui erano insegnati esercizi di resistenza. Tutti i partecipanti hanno ricevuto i rispettivi interventi due volte a settimana per 12 settimane. I pazienti sono stati controllati rispettivamente a due e a quattro mesi per valutare gli effetti del trattamento. L'obiettivo primario della sperimentazione clinica era valutare il numero di attacchi vertiginosi nella settimana precedente e il punteggio totalizzato dai pazienti alla scala di gravità delle vertigini, Vertigo Severity Scale (VSS). Obiettivo secondario era valutare l'efficacia dell'intervento sui sintomi di depressione e ansia, molto diffusi in questa tipologia di pazienti. Sono state valutate anche le concentrazioni nel sangue di diverse molecole pro-infiammatorie, tra cui il fattore di necrosi tumorale-α e l'interferone-gamma.

Mamma resta incinta mentre è già incinta e partorisce due gemelli, lo strano caso di Cara

L'esercizio di resistenza è stato più incisivo nell'alleviare i sintomi della VM rispetto alle tecniche di del rilassamento al monitoraggio eseguito a due mesi dall'intervento. Ancora di più a quattro mesi, l'entità dell'attenuazione dei sintomi era di gran lunga migliore nel gruppo di esercizi di resistenza rispetto al gruppo di controllo, in termini di punteggi totalizzati alle due scale usate (numero di episodi di vertigini e gravità degli stessi), nonché per i livelli di ansia e depressione. Anche i livelli ematici di molecole infiammatorie erano significativamente più bassi nei pazienti del gruppo di resistenza rispetto a quelli del gruppo di controllo. «Il nostro studio - scrivono gli autori - favorisce uno schema di trattamento orientato all'esercizio fisico nella terapia riabilitativa dei pazienti affetti da emicrania vestibolare e fa luce sul meccanismo molecolare che potenzialmente coinvolge le vie dell'infiammazione correlate alle due molecole pro-infiammatorie, il fattore di necrosi tumorale-α e l'interferone-gamma. 

Ultimo aggiornamento: 12:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA