Potenziare ricerca sul fegato, l'accordo tra Italia e Filippine: previsti percorsi formativi a Trieste

Giovedì 16 Settembre 2021
Potenziare ricerca sul fegato, l'accordo tra Italia e Filippine: previsti percorsi formativi a Trieste

Un accordo tra Italia e Filippine per potenziare la ricerca sul fegato attraverso una mappatura accurata dell'ittero neonatale in tutto il Paese, anche nelle isole più remote. Nell'iniziativa è previsto il tracciamento delle patologie legate alle infezioni dell'epatite B e l'individuazione della frequenza del fegato grasso nella popolazione, adolescenti inclusi. Sono gli obiettivi di tre diversi programmi scientifici nelle Filippine che la Fondazione Italiana Fegato (Fif) coordinerà sulla base di un accordo firmato col governo del Paese per favorire il progresso della ricerca sul fegato.

Medicina, le italiane diventano mamme a 32 anni: negli anni Sessanta primo figlio a 23

Lo rende noto Area Science Park, sottolineando che per la mappatura dell'ittero neonatale verrà utilizzato un apparecchio sviluppato dalla Fif con Bilimetrix srl, società nata nel 2012 come spin-off dell'Università di Trieste. «Questo dispositivo medico a basso costo - ricorda una nota - permette di diagnosticare tempestivamente la concentrazione plasmatica di bilirubina presente in una microgoccia di sangue. La diagnosi precoce di un'eventuale iperbilirubinemia del neonato permette di riportarla alla normalità con la fototerapia, prevenendo le potenziali gravi conseguenze causate dall'ittero neonatale».

Il Memorandum of Understanding (Mou) è stato firmato dalla Fif e dal Dipartimento di Scienza e Tecnologia - Philippine Council for Health Research and Development (Dost-Pchrd) e l'Università delle Filippine Manila (Up Manila). «L'accordo - spiega Claudio Tiribelli, direttore scientifico della Fif - ha lo scopo di formalizzare l'impegno delle parti nel progresso della ricerca sul fegato. La Fif, istituzione leader nel campo della ricerca traslazionale nelle malattie del fegato, condividerà la sua esperienza nello stabilire programmi di ricerca sulle malattie del fegato con le sue controparti filippine». Il MoU prevede anche la formazione di dottorandi PhD e visiting scientists nei laboratori Fif e in strutture cliniche collegate. Come risultato della partnership tra Dost-Pchrd e Fif nel 2019, quattro ricercatori filippini stanno partecipando a un programma di borse di studio di dottorato incentrato sull'epatologia molecolare all'Università di Trieste. A novembre è previsto l'arrivo di altri due dottorandi in Area Science Park. 

Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 11:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA