La temperatura delle bevande può influire sulla comparsa del cancro esofageo

La temperatura delle bevande può influire sulla comparsa del cancro esofageo, lo dice la scienza
di Marta Ferraro

Gli scienziati dell'Università di Scienze Mediche di Tehran hanno fornito delle prove sulla relazione tra il consumo di bevande calde e il cancro esofageo, come dimostrato da uno studio da loro compiuto e pubblicato sull'International Journal of Cancer. I ricercatori hanno scoperto che le persone che bevono liquidi che hanno una temperatura di più di 60 gradi centigradi hanno un rischio del 90% più alto di soffrire questa patologia. 

L'indagine mette in correlazione la temperatura delle bevande con il cancro esofageo, coinvolgendo più di 50.000 persone di età compresa tra i 40 e i 75 anni che sono state analizzate per circa un decennio.
Dalle osservazioni è emerso che questo tipo di carcinoma si è presentato in 317 casi tra le persone che erano solite consumare quotidianamente circa 700 millilitri di tè a una temperatura superiore ai 60 gradi.

«Molte persone amano bere tè, caffè o altre bevande calde. Tuttavia, secondo il nostro rapporto, bere il tè molto caldo può aumentare il rischio di cancro esofageo e, di conseguenza, si consiglia di attendere che le bevande diventino tiepide prima di ingerirle», ha riferito il direttore della pubblicazione Farhad Islami.

A questo proposito, diversi scienziati suggeriscono che diluire 10 millilitri di latte freddo in bevande calde può aiutare a prevenire malattie mortali.
L'American Cancer Society afferma che questa condizione è più comune negli uomini che nelle donne. Inoltre, ha sottolineato che l'uso di sigarette, sigari, pipe e tabacco da masticare sono un altro importante fattore di rischio per lo sviluppo della malattia.
Giovedì 21 Marzo 2019, 15:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP