Uno "specchio" italiano per misurare la tossicità dei farmaci. Al via all'IIT progetto TOX-Free, replica e testa sostanze

Mercoledì 6 Ottobre 2021
Uno "specchio" italiano per misurare la tossicità sei farmaci. Al via all'IIT progetto TOX-Free, replica e testa sostanze

Misurare la tossicità di farmaci e inquinanti attraverso uno specchio virtuale. È questo il progetto TOX-Free, presso l'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), finanziato con 3 milioni nell'ambito del programma quadro europeo per la ricerca Horizon 2020, durerà 3 anni con l'obiettivo di produrre uno strumento fondamentale che si chiama VICE (Virtual Mirror Cell), quindi uno specchio che testa in modo accurato sostanze come pesticidi oppure farmaci prima di commercializzarle.

Giorgio Parisi, chi è il fisico e docente della Sapienza che ha vinto il premio Nobel per la Fisica

Valutare la tossicità dei farmaci e in generale di tutte le sostanze che entrano a contatto con la vita umana non è sempre facile da determinare a priori, tanto che la tossicità dei farmaci a livello cardiaco o neurologico è causa di ritiro dal mercato di circa il 60% dei nuovi farmaci nelle fasi di sviluppo o post-marketing. Ciò avviene perché le tecniche in vitro attuali per le valutazioni tossicologiche presentano alcuni limiti, soprattutto sulla valutazione degli effetti collaterali a lungo termine. Il nuovo dispositivo cerca di risolvere proprio queste difficoltà sfruttando una tecnica di test in vitro, non invasiva per il campione biologico, con la quale è possibile osservare l'interazione delle cellule con la sostanza per settimane.

 

La risposta delle cellule viene registrata attraverso il biosensore chiamato VICE (VIrtual Mirror Cell) in grado di misurare e registrare i segnali elettrici provenienti da cellule neuronali e cardiache umane, permettendo così di valutare gli effetti acuti e - per la prima volta - cronici di diverse sostanze sulla salute umana. A guidare il progetto che coinvolge partner accademici e industriali è il ricercatore Michele Dipalo, del Laboratorio di Plasmon Nanotechnologies dell'IIT di Genova, guidato da Francesco De Angelis. I due sono anche tra i fondatori della start-up di Iit Foresee Biosystems, il cui obiettivo è proprio realizzare strumenti innovativi per valutare con maggior accuratezza la sicurezza dei farmaci prima della loro commercializzazione. 

Ultimo aggiornamento: 17:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA