Usa, aumenta il consumo di cibi "ultra-lavorati": diminuito uso alimenti integrali (dal 32,7% al 27,4%)

Venerdì 22 Ottobre 2021
Usa, aumenta il consumo di cibi "ultra-lavorati": diminuito uso alimenti integrali (dal 32,7% al 27,4%)

Mentre in Italia al termine della pandemia le persone si sono riscoperte salutiste in America la tendenza è opposta. Negli Stati Uniti cresce il consumo di alimenti «ultra-lavorati». A dirlo è uno studio condotto dai ricercatori della New York University che è stato pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition. «Mangiare più cibi ultra-elaborati è associato a una cattiva qualità della dieta e a un rischio più elevato di diverse malattie croniche - ha affermato Filippa Juul, autrice principale del lavoro - Il consumo elevato e crescente di alimenti ultra-trattati può essere un fattore chiave dell'epidemia di obesità». Gli alimenti molto processati sono prodotti industrialmente, hanno additivi e sono in gran parte privi di ingredienti integrali.

Cibo, l'export verso il record: l'alimentare Made in Italy fa un balzo dell'11,2% nel 2021

 

Precedenti studi degli stessi ricercatori statunitensi hanno scoperto che un maggiore consumo di alimenti di questo genere è associato a un aumento dell'obesità e delle malattie cardiache. In questo lavoro sono stati analizzati i dati di 41.000 adulti dal 2001 al 2018. Il consumo di alimenti ultralavorati è passato dal 53,5% delle calorie assunte all'inizio del periodo studiato (tra il 2001 e il 2002) al 57% (tra il 2017 e il 2018). Al contrario, il consumo di cibi integrali è diminuito, passando dal 32,7% al 27,4% delle calorie assunte. Il lavoro si è concentrato sulle condotte alimentari precedenti alla pandemia di Covid-19, ma secondo gli studiosi ci sono indicazioni secondo le quali la pandemia abbia portato a un aumento del consumo di cibi meno nutrienti. 

Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 10:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA