«Covid, tre pazienti con sintomi su 10 rifiutano il tampone per non dover fare la quarantena»

«Covid, tre pazienti su dieci con sintomi si rifiutano di fare il tampone per non dover fare la quarantena»
«Covid, tre pazienti su dieci con sintomi si rifiutano di fare il tampone per non dover fare la quarantena»
Giovedì 23 Giugno 2022, 14:02 - Ultimo agg. 24 Giugno, 14:34
2 Minuti di Lettura

L'ultima ondata di Covid degli ultimi giorni è profondamente segnata da un problema: i numeri dei bollettini quotidiani, con ogni probabilità, sono a dir poco sottostimati. E la stima indicativa che viene dai medici di famiglia è eloquente: almeno tre pazienti su dieci con sintomi si rifiuta di fare il tampone, ricorrendo al test fai-da-te, e questo di fatto esclude migliaia di potenziali positivi dai conteggi ufficiali delle Asl.

Omicron 5, una persona può contagiarne 15: «Peggio di morbillo e varicella». Ma sintomi lievi

A parlarne all'Adnkronos è Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg). «Ormai ogni giorno, negli studi dei medici di famiglia, si discute con pazienti che hanno sintomi riconducibili al Covid, che chiedono terapie, ma si rifiutano di fare il tampone in farmacia, da noi o in strutture pubbliche per non dovere essere costretti all'isolamento in caso di positività. Direi che questo atteggiamento riguarda il 30% delle persone che sintomatologia sospetta».

Beppe Sala guarito dal Covid: «Finalmente negativo». L'annuncio su Instagram

Secondo Scotti l'ondata estiva di infezioni da Sars-CoV-2 molta responsabilità hanno i tamponi fai da te che «hanno banalizzato il testing». «Le persone che fanno i tamponi a casa - spiega Scotti - se non hanno un lavoro dipendente o hanno scarse tutele, in presenza di pochi sintomi controllabili con i farmaci, in molti casi non denunciano la malattia per non doversi isolare. E questo ovviamente fa «correrè il virus, in particolare con la contagiosità delle varianti Omicron».

© RIPRODUZIONE RISERVATA