Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

LUIGI DI MAIO

Napoli, Mediterraneo wine & food and travel prima edizione al Castel dell'Ovo

Sabato 25 Giugno 2022 di Emma Onorato
Prima edizione di Mediterraneo wine & food and travel

«Sono lieto di partecipare alla prima edizione di Mediterraneo wine & food and travel: un evento fieristico internazionale dedicato all'agro alimentare. Il titolo scelto, L'Italia chiama. Il mondo risponde, è particolarmente calzate, mette in evidenza il patrimonio di credibilità ed apprezzamento che il made in Italy riscontra nel mondo per le garanzie di altissima qualità che offre e per la capacità di celebrare i territori da cui proviene, fungendo da volano anche per altri settori chiave come il turismo», con queste parole il ministro degli affari Esteri, Luigi Di Maio, inaugura il forum dedicato alla fiera internazionale che pone la città di Napoli al centro del mondo. L'evento è stato allestito all'interno del Castel dell'Ovo - una tra le location più suggestive del panorama partenopeo - che per tre giorni ospiterà buyer e operatori del settore provenienti da diversi paesi d'Europa e dell'estero che, insieme alle istituzioni, avranno modo di confrontarsi e di affacciarsi al mercato estero. La kermesse internazionale, attraverso l'unione del settore enogastronomico con il comparto del turismo, crea una grande occasione per la promozione dei territori, e al contempo, rappresenta un'opportunità di business grazie agli accordi commerciali che si verranno a creare.   

Così con Mediterraneo wine & food and travel riprende l'economia legata al turismo e all'eccellenza dei prodotti italiani. «L'obiettivo è quello di ripartire dal Sud. Vogliamo riportare al centro dei mercati internazionali non solo il Sud Italia, ma il Sud di tutto il mondo ripartendo dalla grande eccellenza enogastronomica del nostro Paese - commenta Gianfranco Grieci - presidente di Fagri - E quindi, Mediterraneo wine & food and travel, non poteva che nascere a Napoli». 

Con l'apertura di oggi si dà ufficialmente il via a tre giornate ricche di eventi. Oltre agli stand espositivi allestiti all'interno delle aree del Castel dell'Ovo - che daranno modo di conoscere i territori attraverso la degustazione di vini e prodotti italiani di eccellenza - sono previsti anche eventi serali con il Premio internazionale Meronis (che avrà luogo questa sera), il Concorso di moda Agri-couture (previsto per domenica) e il Galà di premiazione del Concorso enologico Big Wine (programmato per la giornata di lunedì). 

Video

Ma l'inaugurazione del forum ha dato spazio al ministro degli Esteri, Di Maio, anche per discutere sull'attuale crisi alimentare: «In questi giorni discutiamo di grano a tutti i forum internazionali, riflettendo anche su come la carenza possa portare problemi economici in Europa e sulle possibili crisi in territori come l'Africa, dove si rischiano colpi di stato delle organizzazioni terroristiche, di settori militari e anche l'aumento delle migrazioni verso l'Unione Europea». Continua il ministro: «Ieri a Berlino si è parlato dei 60 milioni di tonnellate ferme nei porti ucraini, pensando anche che in Africa la carenza del grano può scatenare effetti gravi». Il grano è importante nella dieta mediterranea oggi in crisi, ma apre nella sua carenza anche effetti politici nel mondo. Su questo serve il lavoro per sbloccare i porti ucraini che si metteranno in moto nei prossimi giorni», conclude.

Ultimo aggiornamento: 20:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA