Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sommelier, Tommaso Luongo alla guida di Ais Campania

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Roberta Luppino
Sommelier, Tommaso Luongo alla guida di Ais Campania

È Tommaso Luongo colui che per i prossimi quattro anni sarà alla guida di Ais Campania.
Dopo quindici anni come delegato di Ais Napoli, e con la più numerosa partecipazione di soci votanti nella storia dell’associazione campana, oltre il 55%, Luongo sale sul podio nazionale come il terzo presidente regionale più votato in Italia con ben 1326 voti.
Una vittoria che lo consacra e conferma la sua riconoscibilità nel mondo del vino. Negli anni trascorsi come delegato è, infatti, riuscito a portare la delegazione napoletana ad alti livelli, dimostrando di essere notevolmente proiettato in avanti.

Tra i tanti riconoscimenti il premio Surgiva, come delegazione Ais più innovativa d’Italia.
Il neo presidente ha le idee chiare su quali saranno i principi centrali su cui focalizzare l’associazione: formazione e comunicazione saranno punti cardini, così come lo saranno la creazione di eventi sia conviviali che didattici che permetteranno di “dissetare”, è proprio il caso di dirlo, la conoscenza di tutti gli appassionati del settore. “La nuova carica porta con sé onori e oneri”, racconta Luongo e aggiunge: “gratificazione e responsabilità descrivono bene lo stato d’animo di questi momenti; ringrazio tutti i nostri soci per la fiducia dimostrata e adesso inizia un percorso di lavoro che consoliderà il ruolo di Ais Campania nei nostri confini regionali e in Italia: avremo bisogno del contributo di ogni singolo socio”

LEGGI ANCHE «Wine&Kayak, degustazione al sunset»: Napoli raccontata attraverso un bicchiere di vino

Saranno quattro anni molto impegnativi, che vedranno il Presidente occupato nella coordinazione delle delegazioni campane e nella realizzazione di nuove attività volte alla promulgazione della cultura del vino. Un impegno che però non lo spaventa, un impegno che ha radici molto profonde, che racconta e rappresenta un legame importante. Quel legame col padre, ormai scomparso, che è stato la scintilla che ha trasformato in passione tutto il suo percorso e che sicuramente oggi più che mai, dall’alto, è fiero dei traguardi raggiunti.

Ultimo aggiornamento: 11 Luglio, 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA