Vesuvinum, per assaggiare vini e prodotti del territorio, tra mostre e turismo

di Benedetta Palmieri

“L’area vesuviana è uno splendido angolo di terra campana, a due passi dalla città di Napoli. Le sue origini millenarie vengono scandite dalla natura stessa, che ha creato un paesaggio capace di stupire per la sua varietà, i suoi colori e i suoi tesori più preziosi: il vino e i prodotti agroalimentari tipici” – dice Stefano Prisco, presidente di “Strada del vino Vesuvio e dei prodotti tipici vesuviani”, cui si deve l’organizzazione di “Vesuvinum”.

La manifestazione si terrà nel fine settimana (venerdì 14 dalle 17.30 alle 22, sabato dalle 10 alle 22, domenica dalle 10 alle 23) al Palazzo Mediceo di Ottaviano, e si articolerà in percorsi espositivi, approfondimenti, cooking show e naturalmente in numerose degustazioni enogastronomiche – il tutto con lo scopo di far conoscere sempre più la qualità dei prodotti vesuviani, ma anche di promuovere una riflessione sulla tutela del territorio.

È in questa ottica che rientra, ad esempio, la tavola rotonda di sabato, quando alle 18 si parlerà di “Il vino per il turismo, elemento di qualificazione e attrazione del territorio” con rappresentanti di enti e istituzioni. Con un occhio particolare al Parco nazionale del Vesuvio, cardine di quel territorio stesso.

Tra le attività che possono incuriosire maggiormente, l’incontro sulla pigiatura dell’uva con attrezzature d’epoca, e la fattoria didattica con animali da cortile e di allevamento. 

E eccoci alla parte fondamentale della manifestazione, i sapori – la cui cura si deve pure alla collaborazione con l’Isis “Luigi De’ Medici”, i cui maestri chef e studenti prepareranno piatti tipici con prodotti di zona. Ma si potranno assaggiare anche, tra le altre cose, i vini e i distillati; confetture, conserve, miele, nettare e sciroppati; prodotti di panificio e pasticceria. Saranno allestiti spazi biologici, con assaggi di olio extravergine di oliva.

Aperte per tutti e tre i giorni, l’esposizione “La tela di Penelope. Cinque artiste per Vesuvinum” a cura di Gaetano Romano, e la mostra fotografica “Quattromila anni di storia, dal bronzo antico ai medicei” a cura dell’associazione “Spartacus” con Gennaro Barbato. 
Giovedì 13 Settembre 2018, 20:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP