Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carbonara day, è a Napoli il ristorante dove si ordina di più il piatto: la classifica di Uber Eats

Giovedì 31 Marzo 2022
Carbonara day, è a Napoli il ristorante dove si ordina di più il piatto: la classifica di Uber Eats

In occasione del Carbonara dayUber Eats, grazie alla sua presenza in 6mila città in tutto il mondo, ha stilato una classifica dei Paesi europei che ordinano maggiormente la carbonara - spesso anche sulla pizza o per condire il pollo - e ha tracciato una mappa dei ristoranti migliori in cui provarla. 

Si parte con la penisola iberica poiché il primo posto è occupato dal Portogallo con oltre 70 mila ordini in un solo anno (marzo 2021 - marzo 2022). Pasta non basta, H3 e Memoria sono i ristoranti che hanno ottenuto maggiore successo e che propongono questo piatto rimanendo fedeli alla tradizione, ma spaziando con differenti formati di pasta: dagli spaghetti, alle linguine fino alle tagliatelle. 

Video

Spostandosi a nord dell’Europa, ma a sud del podio, troviamo al secondo posto la Francia con poco più di 60 mila richieste per una carbonara delivery presso diffusissime catene come Vapiano, Il Cappuccino e Del Arte.  Infine, il Regno Unito si aggiudica il terzo posto con quasi 40 mila ordini di pasta alla carbonara, ma anche con alcune rivisitazioni - composte da pollo, pane, salmone - e persino vegane. Al Dente, PaStation e Crazy For Pasta sono i ristoranti che rimangono più fedeli alla ricetta originale e anche i più apprezzati. 

Ma non è finita qui, perché il piatto romano per antonomasia è apprezzato in tantissimi altri Paesi del mondo. A seguire i primi tre classificati, ci sono i Paesi Bassi (olte 30mila ordini), la Spagna (circa 20 mila), la Polonia (meno di 20 mila), la Svizzera (oltre 15 mila) e il Belgio (quasi 15 mila). Inoltre, per i viaggiatori è possibile ritrovare un ambiente familiare anche al di fuori dell’Europa: da Artcaffe, La Terrazza e Sugo in Kenya e da Narona, Primi e Posticino in Sudafrica

Per quanto riguarda l’Italia, invece, sono ancora molti i tradizionalisti che preferiscono cucinare personalmente questo piatto, tanto che gli ordini restano inferiori alla media degli altri Paesi raggiungendo appena quota circa 15mila ordini. Ma CarboNà in provincia di Napoli, Pasta In Corso a Roma e Pasta à Gogo a Milano sono gli indirizzi preferiti per chi non rinuncia mai ad un bel piatto di carbonara. 

«Siamo consapevoli che gli italiani non rinunciano alla tradizione e amano dedicare il loro tempo in cucina. Come azienda stiamo continuando a lavorare e ad impegnarci per celebrare l’italianità e portarla nelle case di tutti senza perdere il gusto e l’eccellenza che la contraddistinguono» ha dichiarato Davide Tronzano, general manager di Uber eats Italia.  

LEGGI ANCHE Golocious lancia ​Sbamburger, lo smashburger americano è porn a Fuorigrotta

Proprio per questo, lo chef Paolo del ristorante Bucatino di Roma ha svelato come ottenere una carbonara delivery perfetta: «I segreti dietro al successo della mia carbonara sono dovuti a piccole accortezze maturate in anni di esperienza nel settore, le incognite dietro ad una pasta come la Carbonara in delivery sono molte: pasta scotta, uovo strapazzato e guanciale che - come si dice in gergo - si “ammoscia”.

Dopo vari tentativi e combinazioni le soluzioni trovate sono state relativamente semplici per non andare incontro ai problemi citati anticipatamente. Una soluzione che abbiamo trovato qui al ristorante per non far stracuocere la pasta è quella di scolarla un minuto prima del solito per evitare che con il calore della box possa stracuocersi ed arrivare invece a cottura ultimata. Per l’uovo la tattica è più o meno la stessa, la cremina va lasciata leggermente più lenta del solito così che possa raggiungere la consistenza perfetta nel viaggio verso casa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA