Gastronomia, gli studenti dell'Alberghiero omaggiano Giordano Bruno con la «Minestra eretica»

Martedì 16 Febbraio 2021 di Francesco Gravetti
Gastronomia, gli studenti dell'Alberghiero omaggiano Giordano Bruno con la «Minestra eretica»

Si chiama “minestra eretica” ed è una rivisitazione della minestra maritata, tipica della tradizione napoletana: è il nome del piatto che gli studenti dell’istituto alberghiero “Luigi De’ Medici” di Ottaviano, insieme a “Il SudPlus” di Officina Mirabilis e “Slow Food Agro nolano” hanno realizzato per commemorare Giordano Bruno, il filosofo nolano che moriva accusato di eresia e arso vivo dalla Santa Inquisizione il 17 febbraio 1600. L’iniziativa fa parte di un più vasto progetto dal titolo “Vesuvio eretico”, nato per condividere attivamente, con giovani e meno giovani, i valori necessari ad affrontare la perdita di umanità che attanaglia il nostro territorio. L’intenzione è quella di sviluppare progetti incentrati sull’eresia (termine che deriva dal greco airesis e significa ‘scelta’) nell’area afferente al Vesuvio. Ed è così che tra la scuola di Ottaviano diretta dal dirigente scolastico Vincenzo Falco, il SudPlus di Officina Mirabilis e la condotta Slow Food Agro nolano diretta da Gianluca Napolitano è nata una sinergia che ha dato vita alla minestra eretica. L’ eresia è la sostituzione delle carni della ricetta classica con del pesce proveniente da acquacoltura etica. Nella ricetta, capitone, baccalà e cozze, vengono maritate con verdure di stagione (scarole, minestra nera, torzelle e verza).

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA