Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Non Perdere il Gusto della Vita”: prof ai fornelli per combattere la disgeusia

Lunedì 23 Maggio 2022
“Non Perdere il Gusto della Vita”: prof ai fornelli per combattere la disgeusia

Il prof si mette il grembiule e per un giorno diventa chef. Il risultato culinario non è dei più eccellenti, ma quel che conta è il motivo per cui si è messo dietro ai fornelli. Paolo Ascierto, insieme con Luigi Scarpato, rispettivamente direttore e dermatologo del dipartimento Melanoma e Immunoterapia del Pascale, venerdì erano nei laboratori del Gambero Rosso nella Città del Gusto a Roma per presentare la prima guida sulla disgeusia, quel disturbo caratterizzato dall’alterazione o perdita del gusto, effetto collaterale, in molti pazienti, provocato dall’assunzione di farmaci oncologici. Un problema che porta a inevitabili dimagrimenti o a stati depressivi. Un dramma nel dramma e che riguarda soprattutto le persone anziane.

Da qui l’idea di scrivere un libro su come riconquistare il gusto dei sapori e, quindi, della vita. Un’iniziativa promossa insieme con Gabriella Fabbrocini e Massimiliano Scalvenzi, docenti di malattie cutanee e veneree della Federico II.


Il libro, che si intotola per l’appunto “Non Perdere il Gusto della Vita”, è stato scritto da Filippo Gatti in collaborazione con lo chef stellato, Paolo Barrale, che al Gambero Rosso ha tenuto, l’altro giorno, la lezione teorico pratica sugli alimenti e su come cucinarli. Presenti nel laboratorio del Gambero Rosso una cinquantina di dermatologi e oncologici provenienti da ogni parte di Italia.
Importanza e incidenza della corretta alimentazione sulle condizioni di salute generale del paziente e sulla capacità di risposta ad alcune terapie, tra cui anche quelle oncologiche di nuova generazione: è quanto emerso dall’incontro che si è sviluppato in una due giorni in cui, oltre a parlare di ricette, si è discusso di carcinomi basocellulari localmente avanzati.

I tumori della pelle sono oggi tra le patologie oncologiche più diffuse, possono presentarsi a qualsiasi età, soprattutto avanzata, sono causa di decine di migliaia di interventi chirurgici e decessi ogni anno e la loro incidenza è in continua crescita. Una corretta alimentazione incide sia sulle condizioni di salute generale del paziente che sulla capacità di risposta ad alcune terapie. 

«Grazie a farmaci innovativi» dice Paolo Ascierto «quelle forme destruenti, fortunatamente rare, ma che esistono, possono essere trattate con risultati funzionali ed estetici notevoli. E’ questo il caso degli inibitori di Hedghog che danno risultati importanti per il trattamento del carcinoma basale avanzato o metastatico ma che hanno come effetto collaterale la disgeusia. Per questo motivo abbiamo voluto dare dei consigli alimentari ai nostri pazienti per superare questa difficoltà».

Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 16:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA