Pizza nel doodle di Google. La storia, l'Unesco e la Margherita: ecco perché è la più amata

Lunedì 6 Dicembre 2021
Pizza nel doodle di Google. La storia, l'Unesco e la Margherita: ecco perché è la più amata

In milioni vengono in Italia per assaggiarla. All'estero provano a imitarla, ma i risultati migliori restano quelli di chi la esporta dal nostro Paese. Parliamo della pizza, celebrata da tutto il mondo e oggi anche dal doodle di Google che le ha dedicato un gioco interattivo in cui "insegna" come tagliarla a spicchi correttamente. È forse il piatto più amato al mondo e la scelta di dedicare una finestra speciale nel browser delle ricerche nasce proprio dal fatto che il 6 dicembre del 2017 l’arte culinaria del “Pizzaiuolo” napoletano è stata iscritta dall’Unesco nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Per l’Unesco, “il know how culinario legato alla produzione della pizza, comprendente gesti, canzoni, espressioni visive, gergo locale, capacità di maneggiare l’impasto della pizza, di esibirsi e condividere, è un indiscutibile patrimonio culturale”, recitava la decisione finale.

Pizza, passione planetaria: business da 15 miliardi all'anno per l'Italia

«Pizza surgelata patrimonio dell'Unesco»: bufera su Galbani

Il gioco del doodle di Google 

Nel gioco creato da Google, l'utente è "sfidato" a tagliare in base al tipo di pizza ordinata. È richiesto un numero di fette e un'attenzione particolare ai condimenti perché più è accurato l'ordine e il "taglio" della pizza, più saranno le stelle guadagnate. 

 

 

La storia della pizza (e della Margherita) 

Ogni anno vengono consumati circa cinque miliardi di pizze, ma l'origine è antichissima. La prima testimonianza scritta sulla pizza risale al latino volgare di Gaeta nel 997 e si trattava di un compenso per un contratto di affitto di un mulino. La prima menzione scritta della pizza marinara risale al 1734, mentre quella della pizza Margherita agli anni 1796-1810. Nel giugno 1889, per onorare la Regina d'Italia Margherita di Savoia, il cuoco Raffaele Esposito preparò la "Pizza Margherita", una pizza condita con pomodori, mozzarella (fior di latte) e basilico, per rappresentare i colori della bandiera italiana. Secondo alcune testimonianze, la Margherita era già stata preparata prima della dedica alla Regina d'Italia: lo dice Francesco De Bourcard, un editore e letterato italiano di origine svizzera, nel 1858, spiegando la descrizione dei principali tipi di pizza tra cui la marinara, la margherita e il calzone.

 

Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre, 01:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento