Al Museo di Pietrarsa «Eruzioni del gusto» tra show cooking e degustazioni

Al Museo di Pietrarsa «Eruzioni del gusto» tra show cooking e degustazioni
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 12:36
4 Minuti di Lettura

Sarà inaugurata venerdì 7 ottobre alle 12 la quarta edizione di Eruzioni del gusto, evento culturale ed espositivo sull’enogastronomia e le eccellenze delle terre vulcaniche d’Italia aperto al pubblico, promosso dall’associazione culturale Oronero - Dalle scritture del fuoco in collaborazione e con il contributo della Regione Campania. Nel Padiglione delle Locomotive a vapore del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, al confine tra Portici e Napoli, avranno luogo show cooking in collaborazione con Unione Regionale cuochi della Campania, associazione provinciale cuochi Napoli e il dipartimento solidarietà emergenze della Campania: alla giornata inaugurale il presidente nazionale Dse-Fic Roberto Rosati e numerosi cuochi dalle regioni italiane.

Il dipartimento solidarietà emergenze della federazione italiana cuochi presenterà «Cucina Italia», struttura ristorativa tecnologica per le emergenze in grado di essere trasportata e utilizzata su tutto il territorio nazionale per le situazioni di emergenza e di calamità e di preparare mille pasti in un giorno, anche per allergie alimentari e celiachia. Grandi chef stellati saranno protagonisti dei laboratori di cucina e delizieranno i palati dei visitatori con piatti della dieta mediterranea con alimenti della Campania, che ospita l’evento, noti in Italia e all’estero: il pomodorino del Piennolo del Vesuvio dop, la pasta di Gragnano Igp, pane e prodotti da forno, colatura di alici di Cetara. Tra le dop campane presenti i consorzi della mozzarella di bufala campana, la ricotta di bufala campana, il provolone del Monaco e i limoni di Costa d’Amalfi e di Sorrento, la pizza e i dolci della tradizione campana. Vini campani trionferanno tra gli stand dove i partecipanti avranno la possibilità di riscoprire i sapori di vitigni autoctoni e quelli delle aree vulcaniche. Anche quest’anno il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca della Regione Campania mette in campo l’azione di valorizzazione delle attività della pesca sostenibile e la pesca costiera.

Spazio anche all’innovazione, sviluppo e sostenibilità nel settore della pesca e dell’acquacoltura, alla olivicoltura, al vino e alle masterclass a cura dei consorzi di tutela vini della Campania in collaborazione con associazione italiana sommelier della Campania. Al pubblico verranno illustrati i percorsi turistici enogastronomici e nuove esperienze di viaggio promossi dall’assessorato al turismo (Felice Casucci) che con l’assessorato all’agricoltura (Nicola Caputo) ha dato vita alla cabina di regia per l’enoturismo. La cena di gala sarà un trionfo della cucina campana con i grandi prodotti del territorio di mare e di terra, il tutto accompagnato da vini campani selezionati dai consorzi di tutela dei vini delle cinque province campane. Tra le regioni italiane, presenti tra gli stand la Toscana con i prodotti enogastronomici, la Sicilia e i vini delle terre vulcaniche dell’Etna, la Basilicata con i prodotti vulcanici del Vulture e i luoghi dell’enoturismo. La Regione Toscana sarà presente a Eruzioni del Gusto, per il secondo anno consecutivo, con Vetrina Toscana, il progetto sul turismo enogastronomico. Allo stand si degusteranno alcuni prodotti tipici, per un vero e proprio viaggio nel gusto. Verrà presentato, in collaborazione con la Camera di Commercio di Siena, «Patrimonio Unesco e Food»: un progetto di valorizzazione turistica che racconta le caratteristiche dei siti Unesco di Pienza, San Gimignano, Siena e Val d’Orcia attraverso le produzioni del territorio.

Inoltre, un piatto della cena di gala, sarà realizzato dai cuochi toscani. Quest’anno farà il suo esordio la Sardegna rappresentata dalla Cooperativa Pescatori di Tortolì nota per le ampie spiagge e le tradizioni culturali ed enogastronomiche con ostriche e bottarga, la vernaccia di Oristano, riso di alta qualità, gnocchi di patate e i ravioli, in diverse versioni e con diversi ripieni. E anche le Pardulas dolci a forma di piccolo cestino con ripieno di formaggio, ricotta e aromi e le Coccoi Prenas, ripieno di patate, formaggi e menta. Tra gli stand degustazioni di bollicine e vini delle terre vulcaniche e delle regioni italiane, antichi frutti del Vesuvio, Pomodorini del Piennolo Dop su pane cafone. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA