Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«San Gennà, un dolce per San Gennaro»: al via le candidature

Lunedì 18 Luglio 2022 di Emanuela Sorrentino
«San Gennà, un dolce per San Gennaro»: al via le candidature

Tra ispirazioni scare e elementi profani sono già 30 i dolci inediti  dedicati a San Gennaro nel corso delle quattro edizioni di “San Gennà…Un Dolce per San Gennaro”, il pastry contest targato Mulino Caputo.

Molte di queste creazioni sono diventate proposte imperdibili della pasticceria partenopea, vendute durante tutto l’anno, con richieste che si moltiplicano nei giorni prossimi alla famosa liturgia del prodigio: il 19 settembre.

Quest’anno, in occasione della quinta edizione, in programma il 12 settembre presso il Roof Garden Angiò del Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, i dolci dedicati al Santo e proposti negli anni precedenti, rimarranno in produzione per un periodo più lungo.

Sarà possibile degustarli, dal 1 al 30 settembre, nelle pasticcerie di Salvatore Gabbiano, vincitore della prima edizione; Marco Infante, autore de “’O Cappiel ‘e San Gennaro”; Ulderico Carraturo, della storica pasticceria di Porta Capuana; “Uau, miraculo!”, la chiffon cake di Luigi Avallone, primo posto dell'edizione 2021, sarà presente  nella sua pasticceria a Quarto. Ciro Poppella, con la sua ”Ampolla di San Gennaro”, acquistabile in ciascuno dei tre punti vendita napoletani; spostandoci dalla capitale del culto di San Gennaro, sarà possibile fare sosta da Ciro Cascone,  presso la Pasticceria Donna Lucia Prisco di Ercolano oppure a Sant’Agata sui due Golfi, in Penisola sorrentina, presso la Pasticceria Roxy, dove il giovane Giuseppe Esposito riproporrà “Januarius: Fede e Miracolo”, una frolla alla mandorla messa a punto per l’edizione del 2019; uscendo dalla Campania, si potrà continuare  a rendere omaggio al Santo partenopeo, presso l’Openlight caffè di Andria, dove Ilaria Inchingolo proporrà “Nu piezz ‘e core”; il napoletano Antonio Manfredonia, accoglierà i pastrynomadi a Cusano Mutri, Benevento, per far assaggiare il suo “l’Oro di Napoli”, creazione del 2021, nella pasticceria del collega e amico Roberto Maturo; last but not least, il vincitore dell’edizione del 2020, Angelo Maria Tramontano che, trasferitosi a New York presso  “La Devozione”  nella 16th St, proporrà nella Grande Mela il suo “E’ sango e nun è acqua”, dolce  vincitore del contest nel 2020: una fortunata monoporzione che riproduce la sagoma stilizzata di San Gennaro. Per la gioia dei tanti fedeli che ogni anno, dal 1926, si riuniscono nella Chiesa del Preziosissimo Sangue, lungo Mulberry Street, nel cuore di Little Italy, per celebrare la Feast of San Gennaro.

Per gli artigiani dell’arte bianca, che abbiano almeno 5 anni di esperienza in pasticceria e che vogliano mettersi in gioco, le candidature per l’edizione 2022 rimarranno aperte fino al 7 agosto.

Il regolamento fa riferimento a una monoporzione inedita, rigorosamente “da viaggio”,  da realizzare utilizzando una delle farine Mulino Caputo, il Mulino di Napoli; un ingrediente scelto tra le referenze Agrimontana, azienda italiana riconosciuta in Italia e nel mondo per la qualità dei suoi canditi e dei marrons  glacés; un ingrediente di colore rosso (in riferimento al miracolo del sangue del Santo) e/o un ingrediente di colore giallo (in riferimento al più noto epiteto del Santo, "Faccia 'ngialluta").

Per partecipare alla selezione bisognerà inviare la propria candidatura, corredata dal curriculum vitae, dalla ricetta e dalle foto del dolce, all'indirizzo email info@dfcomunicazione.it. 

Il contest "San Gennà...un dolce per San Gennaro", che ha visto confermato il patrocinio morale della più autorevole associazione nazionale di categoria, l'AMPI (Accademia Maestri Pasticceri Italiani), vedrà in giuria: il Relais Dessert Luigi Biasetto; il maestro pasticcere pugliese Antonio Daloisio e l’Ad di Mulino Caputo, Antimo Caputo.

Al vincitore andrà un premio di mille euro e una fornitura di 1000 kg di farine Mulino Caputo.

Ultimo aggiornamento: 19 Luglio, 17:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA