Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vesuvius Magma Gin vince la categoria miglior etichetta al OneMorePack 2022

Martedì 14 Giugno 2022
Vesuvius Magma Gin vince la categoria miglior etichetta al OneMorePack 2022

Un gusto unico per il gin realizzato con le erbe del Vesuvio e l’inconfondibile ginestra cantata da Giacomo Leopardi. Ma anche un packaging innovativo ed un’etichetta che racchiude il mood della terra partenopea. Il Vesuvius magma gin, creazione del giovane imprenditore di Torre del Greco Maurizio De Fazio, ha vinto il primo premio per la categoria Label al onemorepack 2022, il concorso nazionale sul packaging design promosso e organizzato da grafica Metelliana rivolto a professionisti e studenti universitari. Il forum, in mostra alla sala Newton di Città della Scienza a Napoli, ha avuto due speaker d’eccezione: Fabio Babiloni, docente di Neuroeconomia e neuromarketing presso l’Università la sapienza di Roma, direttore scientifico di Brain Signs; Matteo Leonti, general manager dell’agenzia creativa Smith Lumen.

L’etichetta del Magma Gin, curata dallo studio BasileAdv di Andrea Basile e dal type designer Giuseppe Salerno, si è aggiudicata il primo gradino del podio. Questa la motivazione degli esperti: «Per il rapporto di prospettiva che etichetta e controetichetta hanno, delineando così la silhoutte del Vesuvio, immagine evocativa e iconica della terra partenopea. Insieme allo shape della bottiglia custodisce la storia del luogo e dei suoi sapori».

Una serie di successi per il Vesuvius magma gin, nato da pochi mesi e già approdato sui banconi dei bar e nei raffinati ristolounge di tutta Italia e all’estero. Segreto per l’inimitabile sapore è l’utilizzo della ginestra del Vesuvio oltre e all’immancabile ginepro, con erbe raccolte ed essiccate naturalmente alle falde del Vesuvio che vengono distillate in un’azienda agricola casertana dal mastro distillatore Antonio Di Mattia con l’alcool a 41 gradi e danno vita alla bevanda nota in tutto il mondo. In prima distillazione sono state realizzate 1944 bottiglie, proprio come l’anno dell’ultima eruzione del Vesuvio, ed ognuna è numerata per cui unica.

Ma ad affascinare non è solo il sapore forte e deciso che evoca la passionalità vesuviana e partenopea, ma anche la singolare bottiglia lavorata artigianalmente che intende rappresentare un simbolo della terra vesuviana e della regione Campania. E l’etichetta che per la sua originalità si è aggiudicata il premio nazionale di categoria.

«Il mio team ed io possiamo solo essere onorati» ha commentato il team leader Maurizio De Fazio «per questo riconoscimento e per aver raggiunto già tanti traguardi in così poco tempo. Ciò dimostra che la tenacia e la passione possono portare lontano e siamo sicuri di continuare a crescere, credendo nella nostra terra e in questo progetto. Speriamo di estendere sempre di più il nostro sapore vesuviano in tutto il mondo, perché questa è una terra vulcanica che da secoli produce ricchezze, eccellenze, idee e opere d’arte. Noi dobbiamo contribuire a valorizzarla».

Video

Dal lancio il Vesuvius magma gin è già approdato nei locali simbolo della movida internazionale: ai beach club di Mykonos, nei più frequentati bar di Ibiza, nei locali in voga di Milano e in tutta la Campania, comprese Capri, penisole sorrentina e amalfitana fino ai locali più cool del capoluogo partenopeo.

Inoltre, nel week end i vip del Filming Italy Sardegna, organizzato da Tiziana Rocca, hanno degustato il gin vesuviano insieme al team. Presenti CanYaman, Winston Duke, Sarah Ferguson, Nina Zilli, Giuseppe Zeno, Diletta Lotta, James Franco, Joe Cortese, Josh Hartnett, Justin Hartley, Cuba Gooding Jr, Edgar Ramirez ma anche calciatori come Lorenzo Insigne e molti altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA