Turetta, la strategia del pm Andrea Petroni: dal giudizio immediato al nuovo rito, le ipotesi

di Alessandro Rosi
Mercoledì 6 Dicembre 2023, 15:58 - Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre, 17:08 | 1 Minuto di Lettura

L'interrogatorio

Turetta ad Andrea Petroni ha confessato di aver «perso la testa» quella sera dell'11 novembre di fronte a Giulia. Perché? L'ex fidanzata gli aveva ribadito che non c'era spazio per riallacciare la relazione. Ha detto anche di essere «ossessionato» da lei e che voleva che la 22enne stesse «solo con me, la volevo solo per me», non accettando la fine della relazione. Ha poi sostenuto di essere dispiaciuto e pentito per quell'omicidio «terribile» che ha commesso. In pratica, il giovane nel suo verbale ha descritto il delitto come una azione «d'impeto», non premeditata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA