Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Quarantena, dad e mascherine a scuola: ecco cosa cambia con la fine dello stato di emergenza

Il premier Mario Draghi ha annunciato che lo stato di emergenza non sarà prorogato oltre il 31 marzo

Mercoledì 23 Febbraio 2022
Quarantena, dad e mascherine a scuola: cosa cambia dopo il 31 marzo

«Il nostro obiettivo è riaprire del tutto, al più presto». Il premier Mario Draghi, iintervenuto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, ha lanciato la road map per le riaperture del Paese a partire dallo stop allo stato di emergenza che andrà a decadere il 31 marzo, giorno della sua scadenza. Nessuna proroga quindi e nuove regole che vedranno l'Italia entrare ufficialmente nella fase di ripartenza in vista della primavera e dell'estate.  Il presidente del Consiglio si è soffermato anche sul tema della scuola, sin dalle prime battute al centro del suo mandato di governo.  

Scuola, nuove regole da aprile

Secondo quanto affermato da Mario Draghi con la fine dello stato di emergenza il 31 marzo, quindi da aprile «le scuole resteranno sempre aperte per tutti: saranno infatti eliminate le quarantene da contatto. Cesserà ovunque l'obbligo delle mascherine all'aperto, e quello delle mascherine Fffp2 in classe». 

Le regole valide fino al 31 marzo

Andranno quindi a cadere le attuali regole per le quarantene da contatto. Ad oggi - e quindi fino al 31 marzo - alle elementari la didattica a distanza (e la quarantena ridotta a 5 giorni) scatta solo per i non vaccinati. Mentre per i vaccinati è prevista solo l’autosorveglianza. E fino a quattro casi di positività si continuano a seguire le attività didattiche in presenza con mascherina Ffp2 (per dieci giorni) da parte di docenti e alunni con più di 6 anni di età. In presenza di contagiati scatta l’autosorveglianza e diventa obbligatorio effettuare un test antigenico rapido o autosomministrato (fai da te) o molecolare se si avvertono sintomi. Se si ha febbre o tosse è obbligatorio fare un nuovo test al quinto giorno. In caso di utilizzo del test antigenico autosomministrato l'esito negativo è attestato da una semplice autocertificazione.

Sempre alle elementari se in una classe si contano cinque o più casi restano in presenza (con Ffp2 per 10 giorni) gli alunni con due dosi di vaccino da meno di 120 giorni o è guarito da meno di 120 giorni o ha effettuato la dose di richiamo (o è guarito dal Covid dopo doppia dose di vaccino). Per gli altri (non vaccinati oppure vaccinati o guariti da più di 120 giorni) c’è la Ddi (didattica digitale integrata) e la quarantena per 5 giorni. Quest’ultima cessa in seguito all'esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare. Per i successivi 5 giorni è però obbligatorio indossare la mascherina Ffp2.

 

Ultimo aggiornamento: 18:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA