Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scuola, dopo il Covid anche la guerra: le gite restano quasi un miraggio. Roma e Napoli le mete più gettonate

Lunedì 28 Febbraio 2022 di Raffaella Troili
Scuola, dopo il Covid anche la guerra: le gite restano quasi un miraggio. Roma e Napoli le mete più gettonate

Voglia di gite scolastiche, voglia di normalità. Il tempo stringe, nei consigli di classe la parola "gite" era tabù fino a pochi giorni fa. E ora che dal 31 marzo da zona gialla torniamo - si spera - a bianca - i ragazzi ci provano, hanno voglia di stare assieme, di partire. Le scuole si interrogano perplesse, "si potranno fare - ammette Mario Rusconi, presidente dell'Associazione nazionale presidi di Roma - il problema è se avranno l'animo per farle, con questa guerra che certo non spinge ad andare all'estero. In Italia sì, forse qualcosa si potrà fare, tutto sarà legato anche alla disponibilità dei genitori, il fatto che il nostro Paese abbia preso posizione, il rischio ritorsioni impensierisce".

I test Invalsi ritornano e valgono per l’università. Dal primo marzo via alle prove

Quarantena, dad e mascherine a scuola: ecco cosa cambia con la fine dello stato di emergenza

Niente settimana bianca

Il covid ancora tra noi, seppur i dati fanno sperare al meglio, la situazione internazionale che incute problemi di ordine psicologico. Intanto le settimane bianche organizzate dalle scuole sono saltate, troppo difficile orientarsi tra zone gialle e bianche in divenire. Samuele Zerbini presidente nazionale della Conferenza turismo scolastico di Federturismo-Confindustria, ricorda: "Dal 23 febbraio 2020 il turismo scolastico è fermo per legge. Il limite era scaduto il 31 agosto 2021, si era immaginato di ripartire, poi la situazione è peggiorata di nuovo, anche perché la norma prevedeva viaggi tra regioni "bianche" ma la situazione era in costante movimento. Ora da una decina di giorni sentiamo un certo risveglio. Parliamo di numeri esigui ma che ci fanno ben sperare, quattro cinque richieste al giorno contro una media normale pre covid che era di 30/50 richieste al giorno da metà gennaio. I viaggi più richiesti sono in Italia: Roma al primo posto, seguita da Napoli, poi da Firenze, infine da Milano al quarto posto. All'estero, davvero poca roba, Dublino, Barcellona, Parigi, Londra fanalino di coda. Chi parte da Roma chiede per lo più preventivi per Napoli, Firenze, Milano, Riviera Adriatica".

Claudia Sabatano, preside del liceo scientifico Cavour di Roma spiega che "non sono state approvate gite si sta avviando un discorso per l'anno prossimo, stiamo solo vedendo se possiamo recuperare i vaucher annullati due anni fa, se possiamo riprororogarli ancora. Ci stiamo concentrando su settembre, sull'accoglienza, magari allora sarà più facile organizzare un viaggio, anche per cominciare bene". Alla preside del liceo scientifico Newton Cristina Costarelli vengono i "brividi" a parlare di gite, "Scherzo, l'argomento serpeggia, i ragazzi hanno portato l'argomento in consiglio di classe. Vorrei sottolineare che da parte della scuola non c'è alcun problema, o cattiva volontà. Ma i tempi, non ci sono, dietro le gite c'è un tale lavoro, penso solo ai tempi dei bandi, a tutto il percorso amministrativo, ai costi che saranno lievitati, ai genitori che saranno indecisi fino all'ultimo".

La preside del Righi Cinzia Giacomobono prende tempo: "Se finiscono le zone a colori, cominciamo a ragionare, attendiamo comunicazioni, attualmente siamo in zona gialla, attendiamo indicazioni anche sulla base dei contagi. Nel momento in cui ci troveremo dsvanti a una situazione nuova la affronteremo". E la preside del Vivona, Daniela Benincasa: "Sono tempi problematici tra covid e situazione a livello internazionale. Siamo tutti basiti e perplessi. Non vediamo l'ora che ripartano i nostri progetti di internazionalizzazione, siamo fiduziosi ma ora abbiamo altre priorità, peccato per questi ragazzi, che stanno soffrendo davvero, nonostante i nostri sforzi di fornire loro tutte le alternative possibili".

Ultimo aggiornamento: 1 Marzo, 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA