CORONAVIRUS

Scuola a settembre, le linee guida: turni, classi divise e lezioni online BOZZA

Martedì 23 Giugno 2020
Scuola a settembre, ecco le linee guida: turni, classi divise e lezioni online

Ingressi e uscite degli alunni scaglionati, lezioni online, classi divise: eccola in sintesi la scuola del settembre che verrà, in base alla bozza del governo con le misure di contrasto al Coronavirus. Il documento è stato presentato a Regioni e sindacati dal ministero dell'Istruzione retto da Lucia Azzolina. Dopo il confronto diventarà un decreto legge. 

LEGGI ANCHE Coronavirus Italia, bollettino 23 giugno

L'idea è di mettere in atto una didattica mista: un po’ in presenza e un po’ a distanza. Ma largo spazio di manovra lo avranno i presidi che partendo dalle linee guida potranno agire in autonomia. Se poi dovesse essere nevessario un nuovo lockdown allora si tornerà alla didattica a distanza, ripensata e rinnovata dal ministero. 

CLICCA QUI per scaricare la bozza in Pdf

Già ora l'ingresso dei bambini avviene in una fascia temporale «aperta» (che spesso raggiunge i 90 minuti: dalle 7,30 alle 9,00), fascia che potrà essere adeguata alle nuove condizioni, programmata e concordata con i genitori. Analogamente potrà avvenire per le fasce di uscita, al termine dell'orario scolastico. Sono alcune delle indicazioni, contenute in una bozza del Piano scuola 2020-2021, che indica le linee guida per la ripresa dell'attività scolastica a settembre Le attività educative dovranno consentire la libera manifestazione del gioco del bambino, l'osservazione e l'esplorazione dell'ambiente naturale all'esterno, l'utilizzo di giocattoli, materiali, costruzioni, oggetti (non portati da casa e frequentemente igienizzati), nelle diverse forme già in uso presso la scuola dell'infanzia. Se le condizioni atmosferiche lo consentono, l'esperienza educativa potrà svolgersi anche all'aperto, in spazi delimitati, protetti e privi di elementi di pericolo, con la eventuale disponibilità di tensostrutture temporanee o ambienti protetti.

Nella riprogettazione degli spazi e degli ambienti educativi dedicati alla scuola dell'infanzia, vanno seguite alcune accortezze così riassumibili:i bambini frequentano per il tempo previsto di presenza, con gli stessi insegnanti e collaboratori di riferimento in gruppi stabili; ad ogni gruppo di bambini va garantito uno spazio interno ad uso esclusivo, con i suoi rispettivi arredi e giochi che saranno opportunamente sanificati. Sono alcune delle indicazioni, contenute in una bozza del Piano scuola 2020-2021, che indica le linee guida per la ripresa dell'attività scolastica a settembre Tutti gli spazi disponibili (sezioni, antisezioni, saloni, atrii, laboratori, atelier} dovranno essere 'riconvertitì in spazi distinti e separati per accogliere stabilmente gruppi di apprendimento, relazione e gioco. Si potranno variare gli spazi solo dopo attenta igienizzazione. Raccomandata una continua aerazione degli ambienti; la colazione o la merenda andranno consumati nello stesso spazio di esperienza dedicato al gruppo dei bambini; il pasto completo, comprensivo di primo, secondo, contorno, acqua e frutta sarà consumato negli spazi adibiti alla refezione scolastica, adeguatamente organizzati, oppure secondo i suggerimenti di carattere generale più avanti impartiti. Per quanto riguarda l'esterno, la suddivisione andrà effettuata con segnaletica mobile, degli eventuali spazi disponibili per i diversi gruppi di bambini presenti nella scuola, con utilizzo da parte di ogni gruppo di un'area dedicata con i propri giochi, anche in tempi alternati, previa pulizia delle strutture.

Ultimo aggiornamento: 23:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA