Modella di Dolce&Gabbana scomparsa nel 2015 ritrovata in una favela a Rio

Lunedì 12 Ottobre 2020 di Francesca Pierantozzi
Modella scomparsa ritrovata

La famiglia pensava fosse persa per sempre. Probabilmente morta. Fuggita da quell'ambiente in cui aveva ottenuto un successo rapidissimo ma che, evidentemente, le era diventato insostenibile: troppa la pressione, lo stress che ha già bruciato la carriera di tante supermodelle e che nel suo caso l'ha portata a conseguenze estreme. Sua madre credeva che le ultime foto di lei sarebbero state quelle in passerella, splendida, in pizzo color cipria e la figlia in braccio alla sfilata di Dolce e Gabbana del 2015, oppure in tailleur per Armani. Pensavano che le ultime immagini sarebbero state quelle impresse sulle copertine di Elle o Glamour, capelli sbarazzini, sguardo marrone, lineamenti perfetti, un po' rock'n roll. E invece Eloisa Fontes, top model brasiliana arrivata al vertice del mestiere già a 18 anni, è ricomparsa due giorni fa in una strada di terra di Morro do Cantagalo, favela di Rio. Addosso solo un paio di leggins sudici. L'assistente sociale che è riuscito a localizzarla, dopo che alcuni senza tetto avevano visto questa creatura bellissima, aggirarsi del tutto disorientata per Ciudad de Dios o Jacarezinho, tra le bidonvilles considerate più pericolose. Eloisa ha tentato di resistere. All'inizio ha avuto più paura di essere riportata nel suo mondo, a New York, dal marito, il top model russo-rumeno Andre Birleanu, che di continuare a vagabondare nelle baraccopoli.

 

Roma, ritrovata ragazza scomparsa presente sul video-annuncio dell'acquisto di Smalling. Il tweet di Pallotta

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Eloísa fontes (@eloisafontesoficial) in data:


CONTRATTI
Nel suo zaino gli assistenti sociali hanno trovato solo carta: i suoi contratti con le agenzie di modelle. Le hanno dato una maglia gialla da calciatore, delle ciabatte di plastica da mettere ai piedi, perché per giorni ha girato scalza e seminuda L'hanno portata al Philippe Pinel, una clinica psichiatrica nel sobborgo di Botafogo. Lei ha accettato di ricoverarsi. I medici hanno mandato via i fotografi e cronisti con poche parole: «Per ora non uscirà». Eloisa era sparita circa un anno fa da New York. Era già successo qualche mese prima, ma era stata ritrovata dopo cinque giorni, a White Plains, a una mezz'ora da casa sua a Manhattan. Non aveva saputo spiegare bene perché. «Problemi psicologici», avevano detto, «paranoia». È allora che il marito aveva chiesto la separazione, portandosi via la loro bambina, di sette anni. «Non sono mai stato violento, è lei che ha abbandonato sua figlia» ha detto lui ieri in un'intervista, rispondendo a chi lo descrive come aggressivo, narcisista, brutale. Caratteristiche che avrebbe esibito sul set del reality America's smartest model e che nel 2012 gli erano già costate un'accusa per aggressione da parte di due donne.
Eloisa era definitivamente scomparsa alla fine del 2019. Da qualche mese le agenzie non la chiamavano più, lei che aveva sfilato per i più grandi, con la sua bellezza naturale, delicatamente latina, che poteva fare a meno di qualsiasi trucco. La madre è partita ieri da Maceio, capitale dell'Alagoas, per starle vicino. Non sempre ha potuto farlo. Quando Eloisa aveva tre anni era stata costretta a lasciarla da una zia, una conoscente, come aveva fatto con diversi altri dei suoi otto figli dopo essere rimasta sola a crescerli. Poi c'era stato il concorso: qualche foto e una sfilata e Eloisa era arrivata prima, vincendo un biglietto per New York e un primo contratto da modella. Aveva 17 anni, la carriera è stata folgorante: Londra, Milano, Parigi. A consigliarla, da subito, Andre Birleanu. Matrimonio nel 2012 - lei 18 anni lui 34 - una figlia nel 2013. Con la piccola, Eloisa aveva posato in un servizio per Elle e soprattutto aveva sfilato nel 2015 per la collezione autunno-inverno di Dolce e Gabbana. Tra gli ultimi lavori, un servizio per Escada e un altro per l'inglese Vivienne Westwood.

Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 16:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA