CORONAVIRUS

Covid, riparte anche l'industria del sesso da Praga ad Amsterdam, da Vienna a Bangkok

Mercoledì 1 Luglio 2020 di Mauro Evangelisti
Covid, riparte anche l'industria del sesso da Praga ad Amsterdam, da Vienna a Bangkok

Il primo luglio è la data della ripartenza dell’industria del sesso in molte parti del mondo, dopo le chiusure imposte dal coronavirus. A Vienna uno dei sex club più popolari, il Maxim, annuncia: «New beginnings. Con il nuovo motto non vediamo l’ora di riaprire finalmente il primo luglio. Dopo alcuni mesi di incertezza, stiamo emergendo dalla crisi con forza e motivazione». A Praga uno dei centri dedicati alla prostituzione più famoso, lo Showpark, spiega sul sito in modo quasi burocratico (le foto sono meno paludate): «Cari clienti, riapriamo il primo luglio, ora potere visitare il nostro club etc etc). Ad Amsterdam riprende l’attività quartiere a luci rosse - anche qui il primo luglio - e ieri sono state completate le sanificazioni, mentre l’unione delle prostitute ha suggerito alle proprie associate di utilizzare mascherina e guanti in lattice.
 


Crisanti su Alzano: «Non c'era Coronavirus nei tremila casi di polmonite tra ottobre e gennaio in Veneto»

A Bangkok, dove formalmente la prostituzione è vietata dalla legge, tornano l’happy ending: sempre il primo luglio, via libera ai locali notturni, i pub, i karaoke e ripartenza anche per le sale massaggi (oil massage compreso), l’autorizzazione è arrivata dal Centre for Covid-19 Situation Administration (CCSA), anche se ai clienti sarà chiesto di utilizzare la app “Thai Chana” per segnalare eventuali nuovi focolai. In sintesi: l’industria del sesso, nelle sue varie declinazioni, riapre quasi contemporaneamente in molte parti del mondo, ed è quasi un mistero perché le autorità di paesi così differenti abbiano scelto autonomamente il primo luglio. La pandemia si trova in fase diverse.

Viaggiare, l'Unione Europea riapre le sue frontiere a 15 Paesi: ecco la lista

La Thailandia, ad esempio, ha mantenuto un livello di chiusure molto alto per mesi e grazie a questo ha contenuto in modo considerevole l’epidemia (3.173 casi e 58 decessi); la Repubblica Ceca è a meno di 12mila casi e 349 vittime, e migliaia di persone hanno partecipato a una festa sul Ponte Carlo per dare, in modo del tutto imprudente visto le ultime indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, l’”addio all’epidemia”. In Olanda, il bilancio ad oggi è più pesante, con oltre 6mila morti, in Austria le vittime per ora sono 705.

Coronavirus, sposo muore dopo il matrimonio, 111 positivi dopo la cerimonia

Altre destinazioni storicamente dedicate all’industria non del sesso, ma della vita notturna, hanno fatto scelte più drastiche: a Ibiza il turismo è ripartito, i primi viaggiatori dalla Germania sono atterrati all'aeroporto di San José, ma i grandi club quest’anno non apriranno, un evento quasi storico, che non avveniva da decenni, da quando l’isola è divenuta la capitale mondiale del clubbing. Si legge sul sito dell’Amnesia, una delle discoteche iconiche dell’isola: «Non sappiamo quando tutto questo finirà, ma sappiamo una cosa: il giorno in cui tutto sarà finito, lo celebreremo insieme».

Luca Zaia: «Siamo felici delle spiagge piene, nostra unica colpa bollettini trasparenti»

Ultimo aggiornamento: 20:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA